Apple presenta i nuovi MacBook Pro con Touch Bar

MacBook Pro 2016

La vera novità dell’evento Hello Again di oggi, forse l’unica, è il nuovo MacBook Pro. Il computer dedicato al settore dei professionisti è stato ridisegnato per offrire nuove opportunità di interazione.

Questo accade con la Touch Bar: una barra fatta da uno schermo Retina multitouch che prende il posto della fila di tasti a scelta rapida. La Touch Bar cambia grafica e pulsanti in base al software utilizzato. L’utente può personalizzarla ed è una sorta di rivisitazione del concetto di touchscreen sui Mac. Non nello schermo, ma sulla tastiera, dove si accede più facilmente e non è necessario avere le braccia alzate. Inoltre la stessa barra integra il Touch ID, collegato al chip T1, per accedere con sicurezza al computer e utilizzare Apple Pay.

Il nuovo computer è anche più sottile del 17%, per l’esattezza è spesso 1,49 cm, mentre la larghezza e l’altezza sono rispettivamente di 30,41 e 21,24 cm. Il peso è di 1,37 KG. La versione da 15”, invece, misura 34,93 x 24,07 x 1,55 cm e un peso di 1,83 KG.

Il display ha una risoluzione di 2.560 x 1.600 pixel con 227 ppi nella versione da 13”. quello da 15” ha una risoluzione di 2.880 x 1.800 pixel e 220 ppi. Entrambi sono più luminosi del 67%, così come il contrasto è migliore del 67”. I colori sono del 25% più fedeli.

Il processore parte da un Intel Core i5 da 2,9 GHz e arriva ad un i7 da 2,7 GHz. Il disco è un SSD di nuova generazione, più veloce di 2 volte del precedente, con 256 GB di spazio aumentabile fino a 2 TB. La memoria RAM di base è di 8 GB, aumentabile a 16 GB. Abbiamo anche una scheda grafica Intel Iris Graphics 550, ma si può scegliere una Radeon Pro 455 con 2 GB. Rispetto al modello precedente la grafica è del 130% più veloce.

Oltre ad avere un nuovo sistema a raffreddamento con le ventole, possiede due speaker posti su lati opposti per un volume del 58% maggiore e bassi più potenti di 2,5 volte. Raddoppiano anche le dimensioni del trackpad e i tasti hanno la seconda generazione del sistema a farfalla 4 volte più stabile.

Di base ci sono 4 porte Thunderbolt 3 che funzionano anche da USB-C, per una velocità fino a 40 Gbps. Le stesse porte si possono usare per ricaricarlo. L’autonomia è di 10 ore di utilizzo. Concludono il WiFi 802.11ac, il bluetooth 4.2 e la videocamera FaceTime HD.

I prezzi partono da 2.099 € per la versione da 13”, ma c’è anche una versione depotenziata senza Touch Bar a 1.749 €. La versione da 15” costa 2.799 €. Entrambe saranno disponibili tra 3-4 settimane. Per ulteriori informazioni basta visitare il sito di Apple.

  • Gundy

    E c’è chi si lamenta (io per primo) dei prezzi del Surface Studio…

  • Nevio ????

    1 solo commento finora? molto strano. Se si vede nei siti e forum è un profluvio di critiche feroci, delusioni e minacce di passare a PC, Ubuntu o Hackintosh, insomma parecchia contestazione. Non mi ha stupito quasi nulla del keynote, dove a causa dei leak sapevamo già tutto. La Touch bar promette bene, mi incuriosisce parecchio.
    Ma c’è molto di più da discutere, qualcosa di più profondo.
    Mi viene in mente Xiaomi col suo Mi Max così acclamato dalla gente, o addirittura il Mi 6 dove per non sbagliare Xiaomi ha fatto incredibilmente un sondaggio per far scegliere ai clienti le future specifiche, insomma un “appecoronarsi” totalmente al mercato e alle fantasie dell’utente. Al contrario sembra che Apple stia andando pesantemente contro il mercato, facendo -quasi- tutto quello che la gente “non vuole”, con rivoluzioni a metà, prezzi esorbitanti e mancati aggiornamenti. Una scelta che alcuni potrebbero interpretare come l’ “arroganza” di chi sta sprofondando senza nemmeno accorgersene, altri come una mossa di chi la sa lunga e sa ancora essere trend-setter. Io non lo so, ma credo che l’esperienza iPhone abbia mutato radicalmente la pelle di Apple, e l’abbandono della clientela Pro ormai è arrivato alla fase terminale.

    • Gundy

      Sì, quoto.
      Ormai è incentrato tutto solo sui numeri (e conseguente fatturato) degli iPhone, venduti come l’ultimo capo alla moda a MILIONI di persone che non sanno nemmeno spegnerlo o cosa sia il tasto Home (faccio assistenza per una nota compagnia di telefonia mobile e, credimi, quando dici al cliente di premere “l’unico tasto fisico che ha l’iPhone sotto il display, il tasto rotondo”, 7 su 10 ti rispondono: il mio telefono NON CE L’HA).
      QUESTI sono ormai i clienti Apple, con buona pace del comparto Computer.

      • Diego D. De Zan

        Allora non è scomparso questo tipo di clienti….
        A suo tempo io ne avevo incontrati taluni talmenti malmessi che tutte le volte che raccontavo loro di aggiornamenti, diventavano isterici (roba da psichiatria)……

    • Diego D. De Zan

      Per quanto riguarda i prezzi esorbitanti, sono nella media di quelli per i dispositivi di calasse comparabile. I Surface Book costano persino di più, parecchio di più se si tiene conto del sistema operativo. Come da tradizione Microsoft, ovviamente….
      Per gli altri è sufficiente che ti attacchi alla rete per un mese e si riprendono svariate volte i soldi che ti hanno fatto risparmiare al momento dell’acquisto.

      • Angelo Salerno

        Non sono d’accordo, prendi per esempio il Dell XPS 9550-8669 che costa anche 1200 euro in meno.Senza fare paragoni con il sistema operativo…

      • Diego D. De Zan

        Tieni presente che se può il Dell racconta tutto a casa. Da quando accendi a quanto spendi e quelli ti fanno pagare al differenza quante volte vogliono….