La Russia se la prende con LinkedIn e Apple cancella l’app

LinkedIn

A quanto pare la censura non vige solo in Cina. Anche la Russia ha attivato la lotta alle applicazioni che non rispettano le sue leggi. Applicando la politica del: colpisci il più forte per dare l’esempio a tutti gli altri, la Russia se la prende direttamente con Microsoft.

L’ex nazione comunista aveva stabilito che tutte le aziende in grado di gestire database, dovevano avere i loro server in Russia se volevano offrire servizi ai russi. Microsoft, come tante altre aziende, non ha rispettato la richiesta e quindi LinkedIn è stata eliminata.

Il governo russo ha ordinato ad Apple e Google di eliminare l’app per iOS e Android. Entrambe le aziende hanno rispettato le richieste governative. L’app non è più disponibile nei negozi, anche se chi l’aveva già installata può continuare ad usarla, anche se con alcune difficoltà.

La Russia vuole evitare che i dati russi siano all’estero e che i governi esteri, così, possano utilizzarli per spiare i movimenti della nazione. C’è in corso una nuova Guerra Fredda e, a differenza di quella degli anni ’70, si combatte su internet.

  • Sergio

    Lo ripeto da tempo. Basta non comprare più Apple. Semplice.
    Qualsiasi azienda che si piega alla censura di un regime dittatoriale come quello di Putin o quello cinese non fa parte della cultura della libertà. Oggi chiudono Linked-in, domani cosa chiuderanno ? I giornali, come hanno già fatto per la Cina ?
    Questa è una deriva pericolosa e dobbiamo dare un segnale.
    E’ ora di finirla con la moda Apple. Tim Cook è un mago nel vendere per nuove funzionalità che sono presenti su Android da tempo immemore. Quindi, per cosa si compra Apple ? Perché è più costoso ? Perché “fa figo” ?
    E’ ora di cambiare mentalità. E di punire chi appoggia la censura di stato in nome del profitto.
    Come Apple.

    • spawn5m

      Tutto bello, perciò cosa compri visto che anche Google l’ha eliminata dal play store?