Microsoft vuole togliere a tutti i costi i diritti ad Apple per l’uso del marchio App Store. Così, dopo aver fatto causa utilizzando anche dei motivi futili, ha convinto Amazon ad usare il nome App Store, facendole beccare una causa legale da Apple. Il prossimo passo si chiama Ronald Butters. E’ un professore emerito della Duke University che, armato di dizionario, ha comunicato in un documento quanto segue:

Il nome composto app store (osservate la teatralità di scriverlo in minuscolo) significa semplicemente negozio dentro il quale sono offerte delle applicazioni che è una mera definizione della cosa in se, una caratteristica generica“.

Orguto vero? Ora ecco un elenco di prossime mosse per convincere il giudice che il nome App Store è generico:

  • Ritrovamento del nome App Store scritta con incisioni rupestri in una grotta.
  • Video in cui un neonato pronuncia App Store come prima parolina.
  • Foto di nuvole che genericamente formano la parola App Store.
  • Traduzione della parola App Store da un geroglifico egiziano.
  • Documento in cui si dimostra che Steve Ballmer ha gridato App Store nei corridoi di Microsoft ben 4 anni prima del lancio dell’iPhone.

[via CNET]

Join the Conversation

4 Comments

  1. Davvero non sanno più cosa inventarsi 🙂
    Il fatto che insistano così tanto sulla facenda del nome generico li porterà solo a sentirsi ripetere da parte di Apple che “app store” è generico tanto quanto “windows” o anche “internet explorer”.
    Sempre che Apple non risponda ancora una volta con un documento scritto con carattere molto piccolo e utilizzi 31 pagine anzichè 25! 😀

  2. In ballo ci sono milioni di dollari. E’ quasi “normale” che due colossi si facciano la guerra a colpi di cause legali.

    Comunque, già apple è un nome generico, ma anche blackberry, windows, però non sono legati al contesto. Cioè, apple non è un’azienda di frutta che vende mele. Così microsoft non vende serramenti.

    L’idea di microsoft è che se vendi carne, non puoi chiamare il tuo negozio “Macelleria” e pretendere che il nome non venga usato da un’altro macellaio.

    E’ per questo che Microsoft ha citato in causa Apple.

  3. @WLYIT, lascia perdere i discorsi di logica. E’ lampante quello che dici, ma i fanboy apple fanno numero e visite..

Leave a comment

Cosa ne pensi?