Come cambia l’app Podcast con iOS 11

Podcast iOS 11

Una delle tecnologie migliori usate da Apple in iTunes riguarda i Podcast. Questi file audio o video sono molto usati per trasmissioni, radio, documenti e molto altro. Io stesso l’ho usato per qualche anno per offrire alcuni contenuti inediti.

La cosa interessante è che il fenomeno non tende ad assopirsi, anzi. Negli ultimi anni i podcast sono cresciuti sempre di più. In iTunes, per esempio, ci sono 400.000 podcast per un totale di 14 milioni di puntate generate in 155 paesi diversi. I download hanno toccato quota 10 miliardi nel 2016.

A tal proposito, dopo l’aggiornamento grafico dell’App Store, Apple ha preparato anche un aggiornamento per la sua app Podcast. L’app assomiglierà molto di più ad Apple Music in iOS 11, per dare maggiore risalto al catalogo, gli episodi, le note dell’episodio e il rating.

Inoltre la società ha preparato una serie di novità interessanti:

  • La divisione dei podcast in stagioni. Così anziché avere un elenco infinito di puntate, l’utente può sfogliare ogni singola stagione.
  • La possibilità di inserire trailer audio o video per presentare il podcast, ciascuna stagione o addirittura aggiungere contenuti bonus al termine della stagione.
  • L’introduzione delle statistiche. Finalmente Apple permetterà di vedere quante volte è stata riprodotta una puntata, i dati indicativi demografici, la localizzazione della nazione e altri dati macroscopici. Questa funzione sarà disponibile per la fine dell’anno.

Spero vivamente che la nuova app Podcast aggiunga anche una sincronizzazione perfetta degli episodi, perché la versione attuale a volte si incanta. La nuova app sarà disponibile in iOS 11 e macOS High Sierra.

2 Comments

  1. Hai perfettamente ragione. Io uso tantissimo i podcast e purtroppo tra Mac e iPhone non si sincronizzano bene. Pur ascoltate sulll’iPhone, rimangono come non riprodotte su iTunes.
    Inoltre dalla versione iOS 10 mi capita sempre più spesso che i download si avviino solo se l’iPhone è collegato ad una fonte di energia, anche a telefono con piena carica.

Rispondi a Fabio Callea Annulla risposta