Recensione Mac mini 2023
Mac mini 2023

Sono sempre stato attratto dal Mac mini: un computer privo di schermo, a cui poter collegare lo schermo che si preferisce. È anche abbastanza portabile. Basta inserirlo in una borsa. Inoltre il design monolitico lo rende anche integrabile praticamente in qualsiasi ambiente.

Di recente la società lo ha aggiornato alla versione 2023, con due nuovi SoC: M2 e M2 Pro, che lo rendono ancora più veloci, tanto che qualcuno li ha già definiti dei Mac Studio junior.

Ma come sono nella realtà questi computer? Molte testate specialistiche, come Techcrunch, ArsTechnica, The Verge e Forbes, hanno esaminato il Mac mini 2023 e hanno evidenziato la grande flessibilità d’utilizzo, sia per i professionisti che per gli utenti domestici.

La recensione di Techcrunch

Il nuovo Mac Mini di Apple è dotato del chipset M2, che offre prestazioni elevate rispetto al modello precedente. Gli acquirenti hanno la possibilità di scegliere tra due opzioni di prezzo: $599 per il modello base (729 € in Italia) con CPU M2, 8 GB di memoria e 256 GB di storage, oppure $1,299 per il modello M2 Pro (1.579 € in Italia) con 16 GB di memoria e 512 GB di storage SSD. Il modello M2 Pro ha il doppio delle transistor e la doppia larghezza di banda rispetto al modello M2, una CPU a 12 core e una GPU a 19 core, e anche un controller Thunderbolt in più che consente di collegare fino a quattro dispositivi contemporaneamente e di supportare fino a tre monitor.

Il nuovo Mac Mini è stato progettato per offrire prestazioni eccezionali, soprattutto per quanto riguarda l’elaborazione di media, l’editing fotografico pesante e i benchmark. Inoltre, il modello M2 Pro è in grado di superare i precedenti record di prestazioni stabiliti dal modello M1 Max nella Mac Studio e dall’Intel Xeon W-3245 del 2019.

Tuttavia, ci sono alcune considerazioni da fare quando si confrontano i modelli M2 Pro e Mac Studio M1 Max. Il modello Mac Studio ha un prezzo di $1,999, mentre il modello M2 Pro ha un prezzo di $2,099. Il modello Mac Studio offre una CPU a 16 core, una GPU a 32 core, 32 GB di RAM e uno slot SD frontale, mentre il modello M2 Pro ha una CPU a 12 core, una GPU a 19 core e 16 GB di RAM. Inoltre, il modello Mac Studio è stato rilasciato un anno fa, mentre il modello M2 Pro è appena stato lanciato.

In generale, il nuovo Mac Mini è un ottimo computer per chi cerca prestazioni elevate e un design compatto, ma ci sono alcune considerazioni da fare quando si confronta con altri modelli della gamma Apple.

La recensione di ArsTechnica

I benchmark in multi-core fatti con Geekbench 5
I benchmark in multi-core realizzati con Geekbench 5

Apple ha presentato la sua nuova offerta di Mac Mini con processore M2 Pro, che offre una grande quantità di potenza in confezioni più piccole rispetto alla controparte Mac Studio. Il M2 Pro è un processore M2 significativamente più avanzato rispetto alla serie M1. Vanta quattro core di prestazioni più efficienti, otto core di alte prestazioni, fino a 19 core grafici e capacità di memoria maggiorata. Inoltre, Apple ha anche aggiunto due porte Thunderbolt aggiuntive sulla M2 Pro mini, che consentono una maggiore connettività e supportano una risoluzione di 5K su due display esterni.

Le prestazioni del processore M2 Pro sono paragonabili a un mid-range desktop Intel Core i5 o AMD Ryzen 7 7700X. Il processore M2 Pro è circa il doppio del modello M1 e consuma circa la metà dell’energia consumata dal processore Intel o AMD. Inoltre, la memoria massima consentita è stata aumentata a 24 GB. Apple ha anche aggiunto il Wi-Fi 6E e il Bluetooth 5.3, che offrono spazio di archiviazione più veloce, velocità di connessione più veloci e connessioni più stabili.

Anche se il Mac Studio è stato un interessante desktop, la M2 Pro mini introduce una nuova opzione più economica, ma più potente, che è ideale per i power user che desiderano performance professionali ed espandere la connettività ogni tanto ma non abbastanza da giustificare un Mac Studio. La mini M2 Pro offre anche un eccellente rapporto qualità-prezzo, poiché il modello da $1.299 offre prestazioni simili al Mac Studio.

La recensione di The Verge

Il nuovo Mac Mini è un prodotto che si è evoluto negli ultimi anni. Prima, il piccolo desktop di Apple veniva raramente aggiornato e spesso ignorato, ma con il passare del tempo, l’intera gamma di Mac è migliorata.

Il disastroso butterfly keyboard è stato abbandonato e i tasti veri e propri hanno sostituito la touch bar del MacBook Pro. Il punto di svolta è stato l’introduzione dei processori Apple, prima nei laptop veloci e poi nei desktop come l’iMac e il Mac Studio. Nel 2020, il Mac Mini è stato parte della prima ondata di prodotti con chip Apple Silicon e si è dimostrato un ottimo performer in un piccolo formato.

Tuttavia, era una versione minimale con alcune rinunce, come il massimo di 16 GB di RAM e meno porte rispetto al modello Intel venduto fino all’introduzione del nuovo Mac mini. Ora alimentato dal chip M2 o M2 Pro, il modello del 2023 mantiene lo stesso design generale ma aggiorna molte specifiche, tra cui Wi-Fi, Bluetooth e (opzionalmente) HDMI ed ethernet, a seconda della spesa.

Il maggiore upgrade riguarda ovviamente le performance. Il nuovo Mac Mini è disponibile con due processori: uno è una buona scelta per un Mac domestico, mentre l’altro è chiaramente mirato ai professionisti che spingeranno i limiti.

La recensione di Forbes

Apple ha recentemente rilasciato il suo modello di Mac mini più economico ma più aggiornato con il processore più recente, un M2 con un prezzo di 599 dollari. Ciò significa che tutte le configurazioni sono più economiche di prima, con la versione entry-level che offre il più grande ribasso percentuale. Il Mac Mini mantiene lo stesso design della precedente versione che è un rettangolo di alluminio con un logo centrato sulla parte superiore. La parte posteriore è nera e viene fornito anche con un cavo di alimentazione nero.

Nella parte posteriore troverai tutti i dettagli I/O necessari. Ci sono due diversi pannelli posteriori a seconda che tu abbia un processore M2 o M2 Pro. La versione più economica ha una presa di alimentazione, Ethernet, due porte USB-C Thunderbolt 4, HDMI, cuffie e due porte USB-A. La configurazione più costosa ha quattro porte USB-C Thunderbolt 4 invece di due.

Quando si tratta di prestazioni, questa macchina può affrontare tutti i compiti di base come la navigazione Web, l’elaborazione di documenti e le presentazioni, senza problemi. Anche quando si affrontano le richieste più impegnative, come l’editing video o l’intrattenimento di giochi, non avrai problemi in termini di prestazioni.

In sintesi, la nuova Mac mini è un computer molto potente che soddisfa una vasta gamma di esigenze, dalle famiglie agli studenti. Certo, sicuramente la Mac mini ha un prezzo molto inferiore a quello degli iMac, ma non dimenticare che hai bisogno di un monitor.

In conclusione

Il Mac mini 2023 sarà un grande successo per Apple. È un eccellente computer per i consumatori che desiderano prestazioni in un formato compatto. Offre anche un rapporto qualità-prezzo eccellente, con due opzioni di prezzo, un modello M2 da $599 e un modello M2 Pro da $1,299.

Entrambi i modelli offrono prestazioni simili a quelle del Mac Studio, ma con un prezzo più conveniente. Inoltre, offre opzioni espandibili come Wi-Fi 6E, Thunderbolt 4, HDMI, Ethernet e USB-A.

Infine, il Mac mini 2023 è un ottimo computer per i consumatori di tutti i livelli, dai principianti agli appassionati di tecnologia più esigenti.

Leave a comment

Cosa ne pensi?