WikiLeaks: la NSA ha violato numerosi router, ma non è riuscita con Airport

AirPort Express

Come saprete WikiLeaks pubblica, periodicamente, parte dei documenti che sono stati sottratti alla NSA da fonti interne. Documenti che provano l’uso di metodi per spiare il mondo partendo dai dispositivi presenti in casa: smart TV, smartphone, tablet, telecamere e molto altro, violati per arrivare a sentire e vedere con attacchi mirati.

Negli ultimi documenti pubblicati si evince che sono stati realizzati attacchi mirati anche ai router, per filtrare il traffico internet o bloccare le connessioni. Dal documento si evince che sono stati violati 25 modelli diversi di router, tra cui: Asus, Belkin, Buffalo, Dell, Dlink, Linksys, Motorola, Netgear, Senao e US Robotics.

Nell’elenco non appare Apple. Le AirPort e i Time Capsule, a quanto pare, non sono stati violati. Alla base del successo di sicurezza di Apple ci sarebbe la semplicità di aggiornamento del firmware.

Mentre negli altri router l’aggiornamento del firmware passa spesso in secondo piano, lasciando aperte le falle di sicurezza, nei sistemi di Apple il sistema di notifica e la semplicità di aggiornamento rendono gli exploit meno efficaci.