Ericsson: ci sono 7,6 miliardi di SIM telefoniche attive nel mondo

SIM card mondo

Come è formato il mercato mondiale della telefonia mobile? Ericsson, che un tempo realizzava telefoni e oggi gestisce tecnologie e infrastruttura, ha realizzato il report mondiale per il primo trimestre del 2017.

Da questa analisi si evince la presenza di un settore ancora in crescita. Al primo trimestre dell’anno risultano attive 7,6 miliardi di SIM card, vale a dire che il numero ha superato la quantità di abitanti sulla Terra. La crescita, in base allo stesso trimestre ma dell’anno precedente, è del 4%.

La nazione che cresce di più è l’India (+43 milioni), seguita da Cina (+24 milioni) e Indonesia (+10 milioni). Crescono gli abbonati alle reti LTE arrivati a 2,1 miliardi, con una crescita di 250 milioni di unità nell’ultimo trimestre.

Il maggior numero di SIM è in Asia con una penetrazione, sulla base del numero di abitanti, del 143%, seguita da Europa (124%) e Middle East (116%). La media mondiale è del 102%.

In base alle proiezioni di Ericsson, entro il 2022 ci saranno 5 miliardi di abbonati alle reti LTE e 500 milioni di abbonati alle reti 5G. In totale avremo 9 miliardi di SIM card, con 6,2 miliardi di persone in possesso di un dispositivo mobile.

Aumenta l’uso del traffico dati. Tra il primo trimestre del 2016 e quello del 2017 c’è stata una crescita del 70%, arrivando a circa 10 exabyte di dati scambiati in mobilità, vale a dire 10 milioni di terabyte. Entro il 2022 consumeremo 71 exabyte. Il video occuperà il 75% del traffico.

Attualmente abbiamo 7,3 miliardi di smartphone connessi, 1,6 miliardi di computer, 1,4 miliardi di telefoni fissi, 5,2 miliardi di dispositivi indossabili e 400 milioni di oggetti IoT.