Un grande problema iniziò a presentarsi al centro di calcolo dell’Università di Messina. Come gestire il crescente bisogno di organizzazione di informazioni on-line per oltre 40.000 studenti, 2.000 docenti e 2.000 dipendenti?

Gli incaricati per risolvere la questione erano il dottor Melchiorre Monaca ed il dottor Fabrizio La Rosa che registravano traffici molto alti, basti pensare che soltanto la circolazione di e-mail si attestava a 200 al minuto.

Era da tempo“, dichiara La Rosa, “che ci eravamo posti l’obiettivo di consolidare i servizi su un’unica piattaforma, unificando gestione utenti e password, e di dimensionare correttamente la struttura”.

Scartata a priori l’opzione Windows, i due addetti avevano posto l’obiettivo di avere una struttura stabile su cui migrare in maniera poco traumatica per gli utenti, optando, così, per Sun con Solaris e Os X con Unix.

La scelta è caduta proprio su Os X che era già apprezzato sui mac desktop utilizzati nella facoltà.

Ora il settore informatico della facoltà può contare su:

  • 12 Xserve
  • 2 Xserve RAID
  • 5 MacMini
  • 1 Switch Fibre Channel
  • Mac OS X
  • Mac OS X Server
  • Xsan
  • AppleCare

Leave a comment

Cosa ne pensi?