Nubi molto scure all’orizzonte per Apple. Si evolve lo scandalo delle stock options non autorizzate, ora sembra implicato direttamente anche Steve Jobs. Il fatto risale al 2001 quando il CEO di Apple riceve 7,5 milioni di dollari in stock options a titolo di remunerazione (lo stipendio del manager è di 1 dollaro annuo cui si aggiunge questo tipo di stipendio), il problema è che queste cedole non sono mai state deliberate dal Consiglio di Amministrazione e consegnate attraverso la falsificazione di alcuni documenti.

Steve Jobs ha ammesso di aver ricevuto i titoli, ma ha affermato di non aver mai tratto vantaggio o benefici da questi. La domanda che la SEC (equivalente della CONSOB italiana) si pone è: Steve Jobs sapeva che i documenti erano stati falsificati oppure è stato raggirato da qualcuno? In fondo essendo il presidente del Consiglio di Amministrazione doveva sapere che la delibera non c’era stata.

Intanto a Cupertino è stato assodato un legale per far luce sulla questione. Se la SEC dovesse prendere provvedimenti cosa ne sarebbe di Apple e, soprattutto, cosa succederebbe se Steve Jobs fosse costretto alle dimissioni?

Intanto il titolo ha perso circa 11 dollari in meno di un mese.

Leave a comment

Cosa ne pensi?