Steve Jobs ha rinunciato a 4 miliardi di dollari in azioni

Nel 2003 Steve Jobs, insieme al Consiglio di Amministrazione, decise che per il bene della società, uscita da una profondissima crisi nel 1997, sarebbe stato meglio a rinunciare a una consistente parte di azioni che dovevano essere erogate sotto forma di remunerazione.

Dal 2003 ad oggi le azioni sono cresciute del 1.600%. Il che significa che se il CEO di Apple non avesse deciso di effettuare questa scelta e avesse fatto l’arraffone, ora avrebbe ben 4 miliardi di dollari in più in azioni.

Un capitale altissimo che probabilmente nessuno di noi accumulerà mai. Nonostante questo non bisogna preoccuparsi. Solo in quest’anno zio Steve ha portato a casa 646 milioni di dollari dopo anni di sacrifici. In oltre ha un vero tesoro frutto dalla vendita della Pixar a Disney.
Diciamo che se mettesse tutto sotto il materasso, calcolando gli interessi composti maturati, se cadesse non toccherebbe mai terra.

[via The Street]

Steve Jobs