Leopard sui PC? Purtroppo sembra che gli smanettoni ci siano già riusciti a poche ore dall'inizio delle vendite. Gli hacker spiegano come "fare l'impossibile", come lo chiamano loro, in 3 semplici passi. Basta munirsi del DVD originale del sistema operativo, portarlo da Dual Layer a Single Layer e usare una patch inserita in una chiavetta USB formattata in FAT32.

Al termine bisogna fissare alcune patch con il Terminale e il gioco è fatto. Non si hanno notizie su come funzioni Os X 10.5 su un PC comune, ma la domanda che nasce è: possibile che ad Apple sia sfuggito il fatto che qualcuno poteva portarlo su un computer qualsiasi? Non c'era un sistema di sicurezza che lo legava a un chip inserito solo nei Mac?

[via TUAW] 

scatola Os X 10.5

Unisciti alla conversazione

4 Comments

  1. Beh non c’è un controllo per sapere che che computer gira osx, il problema più grande è sempre stato trovare i driver adatti per farlo partire su hardware differente da quello made in cupertino.
    Non dimenticare che Maxxuss preparò la sua versione di Tiger x86 ancora prima che uscisse quella per i MacIntel, e che già da molti mesi OSX su PC è una realtà grazie alle innumerevoli patch che i vari programmatori sono riusciti a sviluppare.
    Nel caso di Leopard, prima ancora del lancio ufficiale, girava su internet la versione beta patchata per tutti i processori con istruzioni sse3 🙂

  2. Assolutamente no. Se un user ha l’accortezza di assemblarsi un pc con le componenti hardware di un mac il gioco è fatto. Risparmi ed hai prestazioni superiori (non trovi un core due duo 3.00 GHz della Intel su un Mac)…e i driver sono pachtati…fidati il suono funziona, la scheda video idem quella di rete anche. Poi se ti dice male hai il risultato da te descritto…

  3. Per Andrea (o altri). Dove posso trovare il file zip contenente la patch da inserire nella usb memory?

Leave a comment

Cosa ne pensi?