Come generano l’innovazione in Apple

Spesso ci si chiede come fa Apple ad essere così innovativa? Come fa un'idea a diventare realtà? E' una curiosità che a tutti prima o poi viene. Qualcuno potrebbe immaginare che Steve Jobs si svegli con l'intuizione e vada in ufficio per ordinare di realizzarla, ma in realtà le cose stanno diversamente. Come spiega Michael Lopp, senior engineering manager di Apple, si parte con due riunioni settimanali: il brainstorming e la riunione pony.

Nel brainstorming i dirigenti segnalano tutte le idee che hanno in mente, anche le più fantasiose e irrealizzabili. In questo modo possono condividere le loro opinioni e dare consigli e trovare soluzioni per realizzarle. Successivamente si effettua la riunione pony. E' stata chiamata così perchè, come spiega Michael Lopp, i manager suggeriscono cosa vogliono: "Io voglio WYSIWYG….voglio il supporto per tutti i browser…voglio che rifletta lo spirito della società…e voglio un pony. Perchè no? Un pony è magnifico". Da questa riunione si prendono le idee migliori per far in modo da trasformare i pony in realtà.

Il passo successivo e fissare degli incontri con ingegneri e designer per la creazione di mock-up, vale a dire modelli in scala. Di solito ogni società ne fa realizzare 7, ma Apple ne produce 10. Questi 10 dovranno ridursi a 3 e successivamente, in qualche mese di lavoro, dovrà diventare 1 che diventa il prodotto da realizzare, in tutta la sua accuratezza e perfezione.

L'ultimo passo è far in modo che l'esperienza di utilizzo sia unica. L'attenzione al dettaglio è altissima. Il prodotto deve contenere splendidi prodotti, come il computer che contiene il software necessario per un utilizzo ottimale, e deve essere confezionato in modo che il cliente si renda conto della cura dei particolari sin dall'apertura della scatola. 

[via businessweek]

prodotti formano Steve Jobs