Apple rimanda l’uscita del push server per iPhone

Doveva essere una delle novità di rilievo riguardante l’iPhone 3G, sto parlando del sistema di server che Apple doveva attivare per sopperire alla mancanza del sistema di lavoro in background, cioè la gestione di più applicazioni contemporaneamente con Os X Mobile. A quanto pare, però, la società non è ancora pronta alla gestione dei server destinati a questo progetto, tanto che si prospetta uno slittamento dell’introduzione di questa tecnologia per il prossimo anno.

Se si guarda la beta 4 del firmware 2.1 nelle mani degli sviluppatori, infatti, si nota l’eliminazione di tutti i riferimenti precedenti ai push server per i dispositivi della Mela. La prossima versione del firmware dovrebbe essere rilasciata per il prossimo mese. La tecnologia push sarà disponibile, probabilmente, nell 2009 nel corso del MacWorld ’09.

[via 9to5mac]

  • INXS

    Credo tu abbia preso una cantonata. La tecnologia Push ed il relativo server funzionano e funzioneranno come sempre, ma non per le applicazioni terze. Dall’ultimo SDK è scomparsa l’API per il Push destinata agli sviluppatori.

    Poi, il push non serve per la “gestione di più applicazioni contemporaneamente con Os X Mobile” infatti puoi telefonare e consultare Maps contemporaneamente indipendentemente dal push che serve, invece, per le notifiche in background degli eventi delle applicazioni, come la ricezione di un messaggio con AIM.

  • Guarda che hai detto la stessa cosa che ho detto io. Anche la tecnologia delle applicazioni di terze parti in sostituzione del lavoro di background si chiama push

  • INXS

    Veramente tu hai scritto che il push serve per “la gestione di più applicazioni contemporaneamente con Os X Mobile”. Invece, un sistema operativo che fa funzionare più applicazioni contemporaneamente è una funzione; il servizio push che notifica un evento di una applicazione che non è in primo piano è un altra.

  • Io ho scritto che i push server servono a “sopperire alla mancanza del sistema di lavoro in background”.

  • INXS

    Kiro hai scritto “sto parlando del sistema di server che Apple doveva attivare per sopperire alla mancanza del sistema di lavoro in background, cioè la gestione di più applicazioni contemporaneamente con Os X Mobile. La “gestione di più applicazioni contemporaneamente” è una funzione che permette il sistema operativo non il push.

  • Lo so, ma proprio perchè non c’è si vuole usare la tecnologia push.

  • INXS

    Kiro ho l’impressione che tu abbia le idee confuse.

    L’iPhone OS 2.0 già permette il funzionamento di più applicazioni contemporaneamente…

    Per esempio, puoi lanciare AIM e poi Maps. AIM non si chiude, ma dal momento che Apple non ha abilitato il push per le applicazioni terze, se ti arriva un messaggio su AIM non ti viene notificato fino a quando AIM non ritorna in primo piano, cioè non ti funziona la notifica in background, ma puoi avere due applicazioni aperte.

  • INXS leggi il labbiale:
    L-HO-SO

    Perchè continui a ripetere le stesse cose cercando di farmi apparire come quello che non conosce come funzionano le tecnologie Apple? Ho questo blog da anni e nel tempo libero non sono dedito al taglio e cucito ma al mondo Apple.

    La cosa è semplice: Apple non permette a terzi di usare il background e quindi deve lanciare quest’altra tecnologia. Ho tenuto una diretta quando Apple l’ha spiegato al mondo durante il Keynote del WWDC e sono stato uno dei primi a spiegarlo agli italiani, quindi se volessimo piantarla di continuare a dire che ho le idee confuse forse posso dedicarmi anche alle altre notizie. Grazie.

  • INXS

    Ah vabbè, allora se è tutto chiaro perchè continui a scrivere che il push permette il funzionamento di più applicazioni contemporaneamente?

  • Francesco

    kiro vorrei sapere se prima o poi si potrà avere skype sull’iphone anche grazie a questa tecnologia o è solo una mia utupia??

  • Io credo che prima o poi arriverà

  • sim

    … ma in effetti ha ragione Kiro, non capisco cosa volessi dire INXS… :-S
    Le applicazioni non rimangono aperte più di una alla volta, semmai al momento di rientrare in una applicazione già aperta precedentemente viene “ricaricato” lo stato in cui l’app si trovava precedentemente all’uscita… almeno io avevo capito così 😉

    In effetti con la tecnologia Push Notification dovrebbe solo cambiare il fatto che l’app può notificare, appunto, quando è avvenuto un cambiamento finché si è usciti dall’app (es. arrivo di un nuovo mess. istantaneo…); fin qui ok ma… non sarà comunque possibile, mi pare di capire, usare applicazioni multimediali (es. Simplify Media o radio internet) finché si fa dell’altro… vero? Rimarrebbe quella “lacuna”… :-/