Melamorsicata intervista Emanuele Fornaro, sviluppatore di MyTv

E’ stata una delle applicazioni più scaricate dall’App Store, stiamo parlando di MyTV, il programma per iPhone e iPod Touch che permette di guardare la programmazione televisiva e di registrarne i contenuti grazie all’integrazione di Vcast.

Dietro il programma c’è lo sviluppatore italiano Emanuele Fornaro e l’ho intervistato per chiedergli un po’ di cose su questo successo inaspettato. Ecco cosa ci siamo detti:

Ciao Emanuele. Cosa ti ha spinto ad affacciarti nel panorama dell’App Store e quali esperienze da programmatore hai avuto in precedenza?
Ciao Kiro. Sicuramente la cosa che più mi ha spinto ad affacciarmi all’App Store è stata la facilità di distribuzione delle applicazioni che caratterizza questo ambiente. Chiunque può scrivere un’applicazione e pubblicarla sullo store, senza preoccuparsi dei dettagli relativi al marketing e alla vendita del prodotto stesso.
Ho cominciato a sviluppare programmi nativi per Mac nel 2005, sia per lavoro che per passione. Dopo l’uscita dell’Sdk per iPhone ho iniziato a studiare per bene la documentazione fornita da Apple, prima di avere l’idea per My Tv.

Che impressione hai avuto a contatto con l’App Store? Cosa ti è piaciuto maggiormente nel programmare per iPhone?
L’App Store presenta anche dei percorsi macchinosi, come ad esempio la valutazione da parte di Apple e la parte burocratica della faccenda, ma sicuramente facilita la distribuzione, come ho accennato prima, e quindi lo sviluppatore può concentrarsi maggiormente sui dettagli tecnici relativi all’applicazione.
Ho anche trovato grande soddisfazione nel programmare per iPhone, sia per la semplicità d’uso del telefonino della Mela, che per l’elegante approccio che Apple ha adottato, conosciuto anche a coloro che programmano in ambiente desktop per Mac. Il framework utilizzato per iPhone non è nient’altro che una versione adattata per il dispositivo delle librerie Cocoa presenti nella programmazione su OS X.

La tua applicazione MyTv ha avuto molto successo. Quanti download ha totalizzato fino ad oggi?
Sono molto soddisfatto dei risultati che ha ottenuto MyTv, tenendo anche conto che si trattava della mia prima esperienza in ambito iPhone. Questa settimana abbiamo raggiunto le 7500 copie vendute. E da venerdì 19 c’è pure la promozione a 0,79 euro.

Stai ancora migliorando MyTv, se si in che modo?

L’uscita della versione 1.1 è imminente. Gli utenti troveranno nuove funzionalità in risposta alle loro richieste e suggerimenti, tra cui la possibilità di modificare orario di inizio e fine registrazione e un nuovo tab di ricerca programmi, oltre a qualche altra sorpresa…Consiglio a tutti gli utenti interessati agli sviluppi futuri di rimanere aggiornati tramite il mio blog all’indirizzo
http://www.emanuelefornaro.it/blog

Quali altre applicazioni prevedi di sviluppare?
Per ora ho iniziato lo sviluppo anche di un’altra applicazione, ben diversa da MyTv. Preferisco però non sbilanciarmi nei dettagli dal momento che non so definire ancora i tempi di realizzo.

Qual è l’applicazione che vorresti sviluppare per iPhone ma che sai che non potrai sviluppare mai?
Non penso esistano limiti particolari per cui non si possa sviluppare una qualche applicazione. Sicuramente l’unico ostacolo, oltre a quello tecnologico, potrebbe essere legato all’eventuale approvazione da parte di Apple delle applicazioni proposte, come abbiamo visto succedere per alcune ottime idee, Podcaster su tutte. Ultimamente mi pare comunque che Apple sia molto più permissiva e tutto questo fa ben sperare per qualsiasi applicazione attualmente in sviluppo o ancora in via di definizione.

Cosa ne pensi del sistema di remunerazione dell’App Store? E’ equo?
Penso che il fee del 30% applicato, che a prima vista può sembrare alto, rappresenti un buon compromesso soprattutto considerando, come prima evidenziato, che è in carico ad Apple la completa gestione della commercializzazione delle applicazioni. Sono quindi abbattuti i costi di gestione per server, transazioni e sistemi di pagamento relativi alle vendite, che di solito costituiscono una parte molto onerosa soprattutto in termini di tempo per gli sviluppatori.

Cosa ne pensi della scelta di Apple di eliminare il MacWorld?
Sicuramente la cosa mi ha inizialmente stupito ed amareggiato. Ma Apple è un’azienda che primeggia nell’innovazione. Molto probabilmente tale scelta deriva anche da questo fatto, nel senso che un evento che si ripete da anni può diventare routine e creare delle aspettative sempre maggiori da parte della stampa e di noi amanti del mondo Apple. Probabilmente si è ritenuto che tale appuntamento fisso stesse diventando troppo un rischio a carico dell’azienda stessa.
La cosa fondamentale credo sia la ricerca della continua innovazione in termini di hardware e software, a prescindere dalla presenza di eventi quali il MacWorld. Spero quindi che Apple mantenga alto il suo standard.

Bene noi ringraziamo Emanuele e speriamo di trovare presto nell’App Store altre sue applicazioni.