I testi scolastici alla conquista dell’iPad

Era da tempo che attendevo questa rivoluzione. I libri scolastici, infatti, presto potrebbero sbarcare nell’iBookstore e quindi nell’iPad. Il tempo delle cartelle stracolme e le borse grondanti di fogli potrebbe essere giunto al termine. Negli USA, infatti, molte case editrici hanno annunciato di guardare con interesse l’iPad e di aver iniziato la conversione di molti testi al formato digitale.

Per la precisione si parla di Houghton Mifflin Harcourt K-12, Pearson Education, Kaplan e anche McGraw-Hill, società che si temeva fosse stata esclusa da Apple per aver anticipato alcune informazioni sul tablet. Personalmente spero di vedere presto i libri universitari per iPad, magari con la funzione evidenziatore e note.

[via WSJ]

7 Comments

  1. Forza editori italiani, non rimanete nel XX secolo. Ovviamente funzione evidenziatore, note, segnalibro multiplo, copia per citazioni, sono indispensabili. E qui servirebbe proprio il multitasking per poter leggere un libro e prendere appunti allo stesso tempo.Poi dipenderà anche dal prezzo, visto che probabilmente non saranno rivendibili.

  2. Pero’, se devo essere sincero, non so quanto sia comodo studiare sull’ iPad. Ti manca il contatto “diretto” con il libro che secondo me aiuta molto nello studio.
    Potrebbe essere molto utile invece (soprattutto per le università) avere a disposizione sull’ iBooks store i tomi universitari in formato digitale a un prezzo abbastanza basso 15 -20 $ da affiancare al vero libro. Cosi’ uno non si scarrozza avanti e indietro il tomo, in universita’ puo’ eseguire sulla copia digitale mentre a casa studiare sul cartaceo.
    O ancora meglio potrebbero fare come in alcuni dvd in vendita ora che insieme al disco del film si trova anche la versione digitale scaricabile con un codice (compreso nel prezzo!) …. ma sarebbe troppo bello….

  3. Quoto pienamente tutti e due.
    Sarebbe un bel passo in avanti portarmi solo l’Ipad in università con tutti i libri per studiare dentro. Ma quali sono le maggiori aziende italiane che trattano i libri di testo scolastico/universitario? Perchè non mandargli una bella valanga di mail? Magari li sproniamo ahaha

  4. Kiro, perché non fai un sondaggio intitolato “quanti di voi desiderano una versione digitale dei testi scolastici?”.
    Sarebbe un bell’incentivo per le case editrici, ma solo se tutti i blog conosciuti facessero lo stesso sondaggio, e ne parlassero, proprio come stiamo facendo noi.

    • Sarebbe un sondaggio inutile visto che quasi tutti risponderebbero di si 😉 considerando che l’ibookstore non è presente ancora in Italia è ancora prematuro parlarne.

Cosa ne pensi?