Il nuovo gadget Melamorsicata 2010

Qualcuno si chiede il motivo dei banner nel blog. Oltre a permettere la beneficenza su Kiva ogni mese, le entrate permettono lo sviluppo di nuovi progetti come il nuovo super server attivo da qualche giorno e la produzione dei gadget.

Lo scorso anno abbiamo visto una montagna di portachiavi e l’anno prima le spille. Quest’anno, invece, abbiamo alzato un po’ il tiro e abbiamo sviluppato uno strumento molto utile oltre che bello: una matita.

Grande un po’ di più delle comuni matite, la matita Melamorsicata è costruita con ottimo legno e super grafite per i vostri appunti e disegni. Di colore bianco Apple, riporta il logo del blog e un gommino rosso.

Come saprete i gadget non si vendono, si conquistano. Ci sono varie vie che potrete percorrere: presentarvi in un evento ufficiale dove sono presente anche io, tipo il WordCamp di Milano di maggio, oppure partecipare ai vari contest che si avranno nei prossimi mesi.

Chi riuscirà ad averne una?

10 Comments

  1. Mi spiace sentirti definire “beneficenza” i prestiti tramite Kiva. Come sai sono anni che anch’io contribuisco e, fondamentalmente, ho sempre ritenuto meritevole Kiva proprio perché non è beneficenza (che per definizione è a fondo perduto e che purtroppo attira spesso molti approfittatori), ma è un finanziamento a piccoli e piccolissimi imprenditori (che sono tenuti a restituire le somme) che stimola davvero le economie locali. Spero sia stata solo una svista. Ciao.

  2. Non voglio polemizzare, anche perché sono convinto delle tue buone intenzioni… ma Kiva fa solo da tramite: il portafoglio che entrambi abbiamo aperto con Kiva è di nostra proprietà e possiamo disporre ulteriori finanziamenti come riavere i contanti. Fatto sta che il denaro torna ad essere nostro ad ogni fine prestito. La mia puntualizzazione era comunque mirata a contrastare il rischio di banalizzare un prestito fatto tramite Kiva ad una semplice beneficenza, cosa che non è. Per fortuna.

  3. Ecco cosa dice Kiva: “When lenders get their money back, they can re-lend to another entrepreneur, donate their funds to Kiva (to cover operational expenses), or withdraw their funds to their PayPal accounts.” Mi sembra abbastanza chiaro.

    E comunque dire che non è un prestito quando lo slogan di Kiva è “lends that change lives”… è un po’ buffo 🙂

    • Si so bene come funziona Kiva e so bene che tu sai che io so come funziona. Il senso della mia frase è: li dono al circuito quindi è beneficenza.

      Se altri dubbi ne parliamo in privato altrimenti ci fanno le barzellette sui carabinieri su questo dialogo 😉

Cosa ne pensi?