Steve Jobs si esprime sul Flash nel sito di Apple

E’ Steve Jobs in persona a fare il punto della situazione sulla questione Flash e iPhone. Usando il sito istituzionale, zio Steve dichiara apertamente il motivo per cui non vedremo mai il plug-in di Flash negli iPhone, iPod Touch e iPad. I punti elencati dal CEO sono 6:

  1. Flash non è uno standard aperto. Anche se Adobe vuole mettere a disposizione il codice, la società può sempre bloccare tutto in qualsiasi momento e, peggio ancora, applicare un prezzo a Flash.
  2. Flash non regna nel web. Adobe ha dichiarato che il 75% dei video in rete sono in Flash, ma questa è una verità parziale. Steve Jobs dichiara che YouTube ha già i video compatibili per i dispositivi mobili di Apple e solo quelli rappresentano il 40% del totale. Inoltre molti video sono anche in formato H.264.
  3. Le performance, l’affidabilità e la sicurezza del plug-in sono troppo carenti. Adobe non corregge i bug che Symantec segnala.
  4. La durata della batteria cala considerevolmente con il plug-in di Flash.
  5. Il plug-in non è gestibile bene dal multi-touch perchè non è stato scritto per questa tecnologia.
  6. La società collabora poco. In 10 anni solo nelle ultime due settimane si è decisa a scrivere Flash in linguaggio Cocoa, ciò la rende poco affidabile per il processo tecnologico che ha in mente Apple.

Steve Jobs ha sottolineato sulla vecchia collaborazione con la società, tanto che Apple ha posseduto il 20% di Adobe per molti anni. La sua conclusione è che il plug-in di Flash è stato scritto per i PC e non per i dispositivi mobili, quindi adotteranno l’HTML5.

[via Apple]

Cosa ne pensi?