Angry Birds, gli uccelli arrabbiati che hanno incassato 50 milioni di $

Una società sull’orlo del fallimento con tre soli dipendenti: Mikael Hed, Niklas Hed e Peter Vesterbacka. Poi l’idea geniale e la resurrezione. Rovio era ormai giunta al canto del cigno, ma trasformare questo cigno in tanti uccelli da lanciare contro dei maiali ha trasformato il tutto in un’affare da 50 milioni di $.

Il gioco Angry Birds per iPhone, poi arrivato anche nell’Android Market, nel Mac App Store e presto anche in Facebook, è stato scaricato da 75 milioni di persone che ogni ora hanno speso 200 milioni di minuti complessivi nel giocarci. Quello che reputo un gioco anche fin troppo sopravvalutato, ha richiesto un investimento di appena 100.000 $ e poi il grandissimo lavoro dell’ufficio stampa ha trasformato il tutto in un fenomeno virale.

Basti pensare che oltre al gioco, Rovio ha concesso licenze per costruire dei peluche venduti per 2 milioni di unità. Con una crescita così ampia gli investitori non si sono fatti attendere. Sul piatto sono stati appoggiati 41 milioni di dollari per trasformare Angry Birds anche in un gioco sociale e una serie di cartoni animati. A quanto pare quegli uccellini non hanno più motivo per essere così arrabbiati.

[via wired]

One Comment

  1. quasi da non credere! 75 milioni di giocatori… è una cifra sbalorditiva.. tutto merito dell’ottima visibilità che ha grazie all’app store, è sempre tra i primi 5-10 giochi scaricati.
    credo però che il prezzo (0,79€) abbia contribuito non poco a farlo arrivare dove si trova adesso. i giochi poco costosi sono i più gettonati, perché uno tende a provarli lo stesso, anche se magari rischia di scaricare un gioco non di suo gusto.. se la gameloft adottasse gli stessi prezzi ai suoi giochi, credo che andrebbero a ruba, e lo stesso vale per infinity blade.
    basta vedere il successo che sta avendo da poche settimane il nuovo gioco-con-uccello, tiny wings.
    semplice, graficamente piacevole, e giocabile. un successo meritato. e l’utente medio, a mio parere, tende a scaricare più facilmente questo tipo di giochi, rispetto a quelli che richiedono un investimento più “sostanzioso” 🙂

Cosa ne pensi?