Con Zanichelli debuttano i libri scolastici per iPad

Arriverà il giorno in cui gli studenti andranno a scuola muniti solo di un iPad anzichè dover trasportare zaini pesantissimi con tanti volumi? Quella che potrebbe essere una scadenza a lungo termine in realtà è dietro l’angolo. Zanichelli, infatti, ha annunciato che per il prossimo anno scolastico i suoi libri saranno disponibili in forma mista, vale a dire che lo studente acquisterà la versione cartacea ma con un codice potrà scaricare la versione PDF protetto dai DRM di Adobe.

Per usare il PDF del libro basta scaricare l’applicazione ScuolaBook per iPad. L’applicazione è aperta anche a tutte le altre case editrici che, pian piano, appoggeranno la forma mista. Tra qualche anno, si spera, gli studenti potrebbero andare a scuola con un tablet sotto braccio.

[via Zanichelli]

  • Ecco, esattamente. Dovrebbero predisporre dei blocchi per tutte le altre applicazioni altrimenti è inutile

  • Jhyrachy

    Cosa inutile;
    costa troppo per avere una diffusione nelle scuole.
    Quanti di voi darebbero un ipad ad un ragazzino di 15 anni?
    Io no, costa troppo per essere sballotato in luoghi pubblici sotto una così scarsa custodia; senza parlare del sopracitato problema di facebook e roba varia.
    Secondo me l’unica piattaforma che potrebbe prendere piede nelle scuole, potrebbe essere un ipotetico kindle4school:
    una versione modificata e a basso costo del kindle (che già ora costa 150€, molto meno dell’ipad), che grazie alla sua batteria da un mese, lo schermo e-ink, la resistenza dei materiali è più adatto allo scopo; inoltre se si aggiungesse la possibilità di condividere file tramite wi-fi sarebbe perfetto: immaginatevi gli insegnanti che arrivano in classe, accendono il kindle ed inviano a tutti gli studenti le dispense del giorno, sarebbe meraviglioso!
    Poi con un pò di supporto da parte delle case editrici si imporrebbe tantissimo un dispositivo di questo genere, indipendentemente dalla marca.

  • Pingback: uni-versouniversitarie » Blog Archive » Toccare o sfogliare? Questo è il dilemma…()