Rizzoli apre il suo store di libri per iPad a prezzi piuttosto alti

Dopo mesi di attesa Rizzoli è pronta per il suo catalogo di eBook per iPad. La nota casa editrice ha scelto di saltare l’iBookstore, quindi di non concedere ad Apple il 30% delle commissioni sulle vendite, per gestire tutto direttamente mediante il suo negozio on line.

Andando su Libreriarizzoli.it dal proprio iPad si assisterà all’interfaccia ottimizzata che concede, dopo una registrazione, l’accesso a un catalogo di 5.000 titoli in formato ePub e PDF. Per l’occasione Rizzoli ha anche preparato una promozione: acquistando 3 libri il più economico dei tre sarà gratis, comprandone 4, invece, saranno gratis i due più economici.

Peccato per i prezzi. Tanto per fare un esempio tra i più gettonati c’è “Vieni via con me” di Saviano. In formato ePub di Rizzoli è in vendita per 9,99 €, mentre di carta su Amazon si trova per 8,45 €. Stesso fenomeno avviene con altri libri. “Vandali” di Stella e Rizzo è venduto 13,99 € in ePub da Rizzoli e 11,70 € di carta su Amazon.

Quindi ottimo l’apertura di un negozio di ePub ma pollice verso sui tempi, i prezzi e la scortesia di escludere Apple pur sfruttando un dispositivo costruito dalla società. Il formato ePub dovrebbe essere più economico del formato cartaceo altrimenti la rivoluzione digitale non si verificherà mai. E se non decollerà, e spero tanto l’inverso, mi auguro che i manager con le idee molto confuse sul modello di business non diano la colpa al mercato. Noi siamo pronti ad accogliere gli ePub, gli editori molto meno.

6 Comments

  1. Finalmente un editore importante italiano. I prezzi poi non sono male (il libro di Saviano lo vedo a 9.99 € e non a 11.99 €), la promozione poi è imbattibile: praticamente 4 libri al prezzo di 2. Se Rizzoli può fare una promozione così è anche perchè ha tagliato fuori Apple ed il suo 30%, tutto di guadagnato per noi consumatori dunque. Certo che libro per libro è praticamente impossibile battere la promozione Amazon -35% su tutti i libri in italiano, del resto avere i libri su un ebook reader ha i suoi vantaggi e trovo perciò un po’ miope considerare il prezzo come parametro fondamentale.

  2. Credo che il paragone fatto nel post regge fino ad un certo punto. Analizzando solamente l’aspetto del prezzo, di Rizzoli e di Amazon, è vero che c’è una differenza notevole ma bisogna anche considerare che nel momento in cui decido di acquistare un libro su Amazon devo pagare anche le spese di spedizione e attendere i tempi di consegna. Messa su questo piano (che poi è quello pratico) mi sembra che il prezzo di Rizzoli (oggettivamente alto) sia comunque più conveniente rispetto a quello di Amazon.
    Aggiungo tra l’altro che il prezzo di “Vieni via con me” sembra essere (in versione ePub e PDF) di 9,99 € e non di 11,99 €. Ho navigato il sito sia con l’iphone che con il pc, che ci siano prezzi diversi in base al device ?
    Può sembrare un commento “made in Rizzoli” ma la realtà è che avevo qualche secondo libero e l’oggetto del post ha attirato la mia attenzione.
    Ciao.

  3. La scelta di escludere Apple è: corretta, sensata e nell’interesse stesso dei clienti.

    “la scortesia di escludere Apple…”, è business, non una storia d’amore. Il 30% di Apple, chi credi lo andrà a pagare? Chi vende? No, i clienti.

  4. Credo che non saranno gli editori classici a dominare il mercato ma saranno nuove realtà.
    Io sto già comprando diversi titoli di editori digitali che sanno fare molto meglio le app, tipo la Element Apps (elementapps.it). Il romanzo SXHO per iPhone e iPad trovo sia uno dei più bei titoli sull’app store.

Cosa ne pensi?