Lodsys: ecco perchè ce la prendiamo con gli sviluppatori

Continua a far discutere il caso Lodsys, una società che ha come unico pregio l’aver brevettato il pulsante di aggiornamento da una versione gratuita a una a pagamento in un’applicazione. Questa società ha minacciato, scegliendo random, alcuni sviluppatori di pagare per usare il suo brevetto o cancellare la possibilità far acquistare la loro applicazione a pagamento da una gratuita.

Come mai Lodsys non ha chiesto ad Apple di comprare le licenze per usare il sistema nell’App Store? La società ha dichiarato che ci ha provato, ma Apple non l’ha presa neanche in considerazione. Così, triste di questo risultato, ha deciso di battere cassa direttamente presso gli sviluppatori.

E’ il gestore dell’hotel a dover pagare per i servizi offerti ai clienti e non il proprietario della terra su cui è stato costruito l’hotel. Neanche l’agenzia di viaggio o colui che effettua la manutenzione.

E’ questa la metafora usata da Lodsys per convincere gli sviluppatori. Sarebbero loro responsabili della vendita dell’applicazione e non Apple che offre la possibilità di farlo. Ovviamente una scusa campata in aria, considerando che gli sviluppatori usano il licenza tecnologie di Apple pagando una quota annuale. Dovrebbe essere Apple a doversi accordare con Lodsys, che chiede il 0,575% di tutto il fatturato dell’App Store che fa uso del pulsante In App.

Se Apple ha deciso che la licenza non doveva essere acquistata è quasi sicuramente perchè l’ufficio legale ha valutato la questione. Io se fossi sviluppatore, nel dubbio, non pagherei.

[via lodsys]