Twitter iOS 5

E’ ancora aperta la questione della privacy garantita dalle applicazioni. Negli ultimi mesi sono nate tante discussioni in merito, giunte agli occhi dei giornalisti quando riguardano la prima della classe. Con il caricamento non autorizzato della rubrica da parte di Path, un social network per iPhone, Apple si è accorta di un problema che dovrà risolvere molto presto per garantire una soglia elevata ai suoi clienti.

Secondo gli esperti, però, questa sarebbe solo la punta dell’icerberg. Teoricamente potrebbero nascere applicazioni in grado di condividere foto, video, musica, eventi del calendario e così via senza chiedere autorizzazione all’utente. Sono applicazioni di cui Apple non può avere il controllo perchè usano sistemi non rilevabili in fase di approvazione.

Gli esperti in questione dicono che queste app funzionerebbero solo se aperte ed è un problema che potrebbe affliggere qualsiasi sistema operativo, anche nei computer. Apple non può applicare lucchetti a qualsiasi accesso ai dati, altrimenti rischierebbe di bloccare tutto il sistema. Ma quanta privacy si perde in questa teoria e quanta se ne perde in 10 minuti su Facebook?

[via 9to5mac]

Join the Conversation

1 Comment

  1. No sono d’accordo. Quello che metto su facebook lo pubblico con la consapevolezza che diventerà di dominio pubblico. I dati sul mio telefono sono ben altra cosa….

Leave a comment

Cosa ne pensi?