L’inadeguatezza delle mappe di Nokia su iOS

Nokia Here

Un gigante può essere superato solo se inciampa. Il colosso Apple è inciampato nel momento in cui ha deciso che le sue mappe erano pronte per gli utenti. Fortunatamente nei racconti mitologici chi cade sa anche rialzarsi, ma i nemici di solito ne approfittano per avanzare.

Nokia, per esempio, ha provato ad avanzare e lo ha fatto con Here, un nuovo servizio di cartografie on line. L’obiettivo della società finlandese era affascinare gli utenti iOS per far assaggiare loro la bontà del sistema operativo presente nei Lumia, ma così facendo si è avvicinata troppo al Sole bruciandosi le ali.

Sulla carta, infatti, il progetto Here è formidabile: danno agli utenti la possibilità di diventare parte attiva nel miglioramento delle stesse, sono in HTML5 per essere lette senza problemi e prevedono la possibilità di segnalare punti di interesse. Peccato che l’esperienza utente sia stata sottovalutata come sempre. Da una consultazione della propria zona, infatti, ci si può accorgere della inadeguatezza di quelle mappe.

I difetti sono troppi per apparire vincenti nel momento di debolezza di Apple. La vista dall’alto è sgranata, la voce guida turn-by-turn è solo in inglese, non supportano il magnetometro, in alcune aree non è abilitata la guida a piedi, non esiste la visualizzazione in 3D e alcuni passaggi risultano poco fluidi. Quanto basta per finire nel cestino delle applicazioni.

Sono certo che la società ha spinto i suoi team a lavorare velocemente per battere le mappe di Google sul tempo nella loro colonizzazione dell’App Store. L’obiettivo era convincere una fetta di utenti ad affezionarsi al prodotto e ritagliarsi una bella fetta del mercato. Fetta che vale diversi milioni di dollari considerando la pubblicità dei punti di interesse. Peccato però che per fare in fretta hanno sfornato un prodotto informe.

2 Comments

Cosa ne pensi?