IBM sviluppa 5 idee per gli smartphone del futuro

Come saranno gli smartphone del futuro? IBM tenta di dare una risposta attraverso il suo centro di ricerca e sviluppo. Il progetto 5in5, infatti, ha delineato quello che potrebbe essere il percorso da adottare per costruire telefoni sempre più intelligenti. Il concetto di base posto dalla società è basato sulla difficoltà attuale dei telefoni nel comprendere l’utente.

Secondo gli scienziati di IBM, infatti, il problema nasce per le scarse informazioni che lo smartphone è in grado di recepire. Problema che trova la sua soluzione attraverso l’inserimento di sensori sempre più sofisticati. Per l’esattezza IBM vuole porre la strada verso cinque direzioni: capacità di migliorare il tatto, la vista, l’udito, il gusto e l’olfatto.

L’obiettivo, quindi, è fornire al telefono le capacità di comprendere ciò che accade nel mondo reale così come fa un essere umano. Solo attraverso l’inserimento costante di informazioni su ciò che accade nel mondo può aumentarne l’intelligenza. Per fare degli esempi possiamo immaginare uno schermo multitouch e che è in grado di fornire una sensazione diversa sul polpastrello in base al materiale visualizzato sullo schermo.

Esempi possono essere anche trasportati sugli altri sensi. La vista del telefono permetterà di comprendere ciò che si visualizza dalla fotocamera, l’olfatto può rilevare gli ormoni dell’aria, l’udito può ascoltare ciò che accade e selezionare le varie onde sonore e così via.

Tutto questo sarà realtà, secondo gli scienziati della società, entro i prossimi cinque anni. Processori sempre più potenti e sensori sempre più precisi permetteranno di migliorare l’interazione tra l’utente e il telefono. Speriamo che nel frattempo riescono a risolvere anche il problema della rifornimento energetico dei dispositivi.

[via ibm]

Cosa ne pensi?