Apple risarcirà con 90800 € tre editori cinesi

iBookstore

Non è la prima volta che in Cina delle persone tentino di fare i furbi vendendo dei contenuti rubati nei negozi virtuali di Apple. La corte di Beijing, però, ha stabilito che non saranno puniti i ladri di contenuti, ma Apple che doveva vigilare al fine di non permettere un fenomeno del genere. Per tale motivo ha stabilito una pena pecuniaria.

Tre autori cinesi, che avevano visto vendere le loro opere nell’iBookstore, saranno risarciti con 730.000 yuan, pari a circa 90.800 €. Una cifra non altissima, ma sufficiente a ripagare il lavoro e il fastidio di vedere delle opere vendute senza permesso.

La società ora alzerà i requisiti per l’approvazione, molto probabilmente, al fine di evitare altri episodi. Qualche mese fa delle accuse arrivarono anche per la vendita di un cartone animato con lo stesso schema fraudolento.

[via zdnet]