Pegatron userà il riconoscimento facciale per i suoi dipendenti

fabbrica PegatronHo nella mia tasca una carta di identità di carta. Un retaggio del passato che l’Italia cerca di superare da anni, ma che rimanda sempre per mancanza di fondi, anche se in alcuni comuni è ormai realtà la versione a forma di carta di credito.

In Cina ci hanno superato, come in altri stati, ed è in uso. E’ in uso anche nelle fabbriche perché è necessaria per essere assunti. A tal proposito si è verificato qualche episodio di falsificazione, come il recente caso del dipendente di Pegatron, uno dei fornitori di Apple, morto per una polmonite.

Per evitare ulteriori casi, Pegatron ha dichiarato che presto saranno disponibili dei tornelli per il riconoscimento facciale. In questo modo non si potranno usare delle carte false, ma bisognerà passare necessariamente per il controllo dal database governativo.

Ma tutto questo non rischia di far salire parecchi nodi al pettine? E se si scoprissero un gran numero di documenti falsi?

Alcune info tratte da: wsj