Amazon Fire Phone

Per la serie meglio tardi che mai, Amazon ha deciso di entrare nel settore degli smartphone, dopo aver intrapreso la strada dei tablet. La società ha dalla sua parte una potente ed estesa catena distributiva e tanta fiducia da parte dei clienti. Fiducia che dovrebbe essere confermata con il nuovo Fire Phone.

Visto che il settore degli smartphone è molto duro da conquistare, la società tenta la strada delle funzioni innovative, e fa bene. Dopo aver inserito un processore quad core da 2,2 GHz e 2 GB di RAM in un dispositivo grande 139,2 x 66,5 x 8,9 millimetri e 160 grammi di peso, Amazon utilizza una fotocamera da 13 megapixel e una focale 2.0, con una fotocamera frontale da 2,1 megapixel.

Il display è ampio 4,7” con una densità di 315 ppi, mentre la capacità di storage è di 32 o 64 GB. La batteria e da 2.400 mAh e alimenta due speaker stereo, un sensore dinamico di prospettiva, barometro, accelerometro, magnetometro e gli altri sensori standard presenti in tutti i dispositivi. Il bluetooth è appena il 3.0, ma c’è il modulo NFC.

Ma le vere chicche sono le funzioni, costruite sul sistema Fire OS 3.5 (basato su Android) che supporta anche le app del sistema operativo di Google. All’interno troviamo:

  • La prospettiva dinamica che in alcune applicazioni funziona come un effetto parallasse. Solo che se ne occupa un sensore apposito e non il giroscopio. Utilizzandolo si genera un effetto 3D.
  • La tecnologia Firefly che carpisce all’istante, mediante la fotocamera e il microfono, gli oggetti visualizzati. Per esempio riconosce 100 milioni di oggetti e li trova nel catalogo Amazon, oppure carpisce numeri di telefono, email, codici QR, brani musicali o telefilm.
  • Mayday con un esperto Amazon disponibile sempre per chiedere informazioni (al momento solo con l’operatore AT&T).
  • Caricamento delle foto nell’Amazon Cloud senza limiti di spazio.
  • Un sistema di gesture con il giroscopio per attivare dei menu spostando il telefono, oppure effettuare lo scroll delle pagine inclinando il dispositivo.

A tutto questo si uniscono delle cuffie che assomigliano molto agli EarPods di Apple, solo che hanno una sezione magnetica per attaccarli tra di loro. Il prezzo, senza contratto, è di 649 dollari. Onestamente mi attendevo qualcosa di meno.

Riuscirà a convincere gli utenti a preferirlo all’iPhone?

Leave a comment

Cosa ne pensi?