monumento Steve Jobs

In Russia c’è una legge molto repressiva sui gay. In pratica tutto il materiale che rappresenti o ricordi i gay deve sparire dallo sguardo dei giovani.

Per tale motivo, dopo il coming out di Tim Cook, il gruppo ZEFS di San Pietroburgo ha pensato bene di eliminare il monumento eretto a Steve Jobs. Un totem con uno schermo interattivo, con le informazioni sul co-fondatore di Apple.

Il monumento era vicino alla State University of Information Technologies. In pratica, secondo il gruppo ZEFS e la legge russa, un ragazzo che fosse passato da quelle parti avrebbe potuto pensare: “Guarda il monumento a Steve Jobs. Il successore di Steve Jobs è Tim Cook. Tim Cook è gay allora vado subito a limonare con Adrian”.

Onestamente non credo che sarebbe mai successo. Se un ragazzo vuole limonare con Adrian può solo farlo perché prova attrazione per Adrian e sente delle pulsioni, non certo perché vede Steve Jobs che, tra l’altro, è morto.

Chissà se anche l’idiozia sia contagiosa.

Leave a comment

Cosa ne pensi?