Spotlight Mail

C’è tutto un mondo dietro l’invio delle email. Anche se lo spam viene cestinato in pochi secondi, esistono gli spammer che giocano sui grandi numeri e riescono a portare dei soldi a casa, soprattutto con le truffe. Di solito questi mandano email a tantissimi indirizzi, spesso trovati in rete. Per sapere se un indirizzo funziona bisogna aprire il messaggio.

L’apertura dell’email manda un dato allo spammer dichiarando che l’indirizzo è valido. Molti programmi di posta, quando individuano una email di spam, bloccano l’invio di informazioni per proteggere l’utente. Anche Mail ha questo meccanismo.

Ora, alla luce di questo, la funzione di Spotlight nel cercare dati anche nell’archivio di Mail, può trasformarsi in un bug. Quando un messaggio viene cercato nel motore di ricerca di OS X, infatti, apre le email di spam caricando tutto il contenuto e questo invia i dati agli spammer, proprio come se il messaggio fosse stato aperto nell’applicazione.

Quindi se fate ricerche nelle email potrebbe capitarvi di vedere un aumento dello spam. Speriamo che Apple risolva la cosa.

Leave a comment

Cosa ne pensi?