Apple avrebbe già speso 38 milioni in spot per l’Apple Watch

L’Apple Watch è più che un prodotto. Per Tim Cook è una scommessa. È la prova che Apple sa andare avanti anche senza Steve Jobs ed è una prova che vuole e deve superare. Per questo motivo il CEO di Apple sta mettendo in campo l’unica cosa che ad Apple non manca: il denaro.

La società non sta di certo lesinando gli investimenti per lo smartwatch, sia in termini di progettazione che per il marketing. Secondo un’analisi effettuata da iSpot, infatti, da marzo ad oggi, vale a dire da quando è stato mostrato lo smartwatch, Apple ha già speso almeno 38 milioni di dollari in spot pubblicitari.

Gli spot sono trasmessi nelle TV dove è in vendita l’orologio. La società si è aggiudicata anche degli spazi costosi, come durante il telefilm The Walking Dead o la trasmissione The Voice sulla NBC.

La società sta anche investendo del denaro per sponsorizzare degli artisti e convincerli ad andare in giro con l’Apple Watch.

  • Antonio Magno

    Ma, se devono spingere un loro prodotto tramite la pubblicità non è un buon segno. Fino ad ora hanno campato rendita, è forse arrivato il momento in cui devono confrontarsi con il mercato ? Diciamocelo, non si sentiva la mancanza di uno smartwatch del genere, sono semplicemente arrivati in ritardo di circa 2 anni.
    Si sono probabilmente resi conto di non avere una gallina dalle uova d’oro in mano (cosa che speravano) . Hanno fatto scelte commerciali discutibili, a cominciare dal MAC BOOK, 1800 euro di pura fuffa, prestazioni e HW da phablet cinesi in commercio per 800/900 euro, questo APPLE WATCH si stiloso, ma che non convince appieno. IPAD in declino, ed un brand quello di IPHONE messo per la prima volta in discussione da SAMSUNG con i suoi nuovi GALAXY S6 (si parla di 30 milioni di preordini), che nel modello EDGE 32 costa anche di più di IPHONE 6 da 16 GB… Tim C. deve innovare veramente, deve rispolverare quel Think Different caro all’azienda, perche anche con tutti i soldi del mondo, il cliente casual è volubile, oggi c’è domani può non esserci. I soldi non sono tutto, un’esempio lampante ne è proprio Microsoft… Sembrerebbe che ultimamente mordano un pò l’asfalto, dove sono le idee veramente innovative ?