Apple attiva un prestito obbligazionario anche in Gran Bretagna

obbligazioni gran bregagna

Continua la campagna di accensione di prestiti obbligazionari di Apple. Ormai la società è vicina alla quota 50 miliardi, che restituirà da qui ai prossimi 20 anni. Ma perché la società prende a prestito denaro se ha in cassa oltre 200 miliardi di dollari?

Dietro l’operazione c’è una strategia finanziaria e fiscale molto studiata, con vantaggi economici di rilievo. L’ultimo prestito, per esempio, è stato chiesto in Gran Bretagna, dove la società ha emesso obbligazioni per 1,25 miliardi di sterline, pari a circa 1,77 miliardi di euro.

La società ha emesso una linea di obbligazioni da 750 milioni di sterline che renderà entro il 2029 e una seconda linea da 500 milioni che renderà entro il 2042. Il tasso medio è di poco superiore al 3% annuo.

Le banche che si occupano della collocazione sono Goldman, Sachs & Co., Merrill Lynch International, HSBC Bank, Deutsche Bank's London Branch e J.P. Morgan Securities. I titoli di Apple hanno una classificazione di AA+.

Cosa ne pensi?