L’FBI avrebbero trovato una falla nell’iPhone per sbloccarlo

FBI

Nella giornata di ieri Tim Cook ha aperto l’evento di Apple spendendo alcune parole per il caso dell’iPhone di San Bernardino.

Abbiamo costruito l’iPhone per voi. Sappiamo che rappresenta un dispositivo molto personale. Circa un mese fa abbiamo chiesto agli americani di unirsi alla conversazione. Abbiamo bisogno di decidere, in quanto nazione, quanto potere dovrebbe avere il governo sui nostri dati e sulla nostra privacy. Siamo umilmente e profondamente grati per tutto il supporto ricevuto.

Le parole sono arrivate in vista di oggi. La società di Cupertino doveva essere sentita al Dipartimento di Giustizia per il caso di San Bernardino. Il Dipartimento doveva anche decidere come proseguire per sbloccare quell’iPhone 5c.

La notizia di oggi è che Apple ha ottenuto il rinvio perché, sostanzialmente, il suo aiuto non servirebbe più. L’FBI avrebbe trovato un modo per sbloccare il telefono senza chiedere aiuto alla società.

Di cosa si tratta? Al momento non si hanno informazioni e la società potrebbe non saperle mai. Essendo un caso di sicurezza interna, l’FBI non è tenuta a dirle quale metodo starebbe usando.

Si tratta semplicemente del classico gioco della volpe e l’uva? L’FBI ha rinunciato ad avere una backdoor ufficiale? L’ente ha trovato una falla per accedere in qualsiasi iPhone? Al momento regna il mistero.

Cosa ne pensi?