Uno sviluppatore ha inserito Windows 95 in un Apple Watch. Al di là della violenza informatica a cui è stato sottoposto quel povero smartwatch, l’esperimento segna un punto importante e rappresentativo.

Significa che la tecnologia è avanzata in fretta. Nel 1995, quando fu appunto presentato Windows 95, bisognava avere un PC grigio, grosso, rumoroso e costoso. Adesso la stessa potenza, seppur ottimizzata in modo diverso, è disponibile in un orologio da portare sul polso.

Il chip S1 presente nell’Apple Watch riesce a far girare il sistema operativo di Microsoft. La velocità non è un granché, anche perché a livello software abbiamo pur sempre un’emulazione e non un ambiente nativo e ottimizzato per lo scopo.

Ora che l’esperimento è stato dimostrato, spero che il povero smartwatch sia liberato da quella possessione demoniaca da un bravo sviluppatore esorcista.

Lascia un commento

Cosa ne pensi?