L’India attiva alcune riforme e Apple ha via libera per i negozi

Apple Store Dubai

A quanto pare il lungo viaggio di Tim Cook in India ha dato i suoi frutti. Dopo i timori iniziali, dovuti da leggi molto severe verso le aziende estere, l’India ha cambiato rotta e ha deciso di attuare una serie di riforme per favorire l’occupazione.

Il primo ministro Narendra Modi, infatti, ha deciso di liberalizzare alcuni settori per supportare la crescita della nazione. Molti settori potranno vedere investimenti stranieri, eccetto alcune nicchie di mercato ritenute strategicamente importanti.

Gli investimenti possono arrivare per il commercio on line, il cibo, la difesa, le trasmissioni, la sanità, l’aviazione civile e la vendita al dettaglio. Apple, quindi, potrà aprire i suoi Apple Store senza dover soddisfare la richiesta precedente di usare il 30% di prodotti locali.

Secondo le stime le riforme porteranno ad un aumento del PIL di 55,46 miliardi entro quest’anno. La società di Cupertino può organizzarsi per aprire i primi punti vendita.