Muzo, l’accessorio per eliminare i rumori

Muzo

Probabilmente la mia miopia mi ha fatto sviluppare i superpoteri uditivi come Daredevil, perché riesco a sentire ogni minimo rumore, soprattutto di notte mentre cerco di prendere sonno. Forse dispositivi come Muzo mi farebbero comodo.

Questo accessorio si posiziona sulle pareti e finestre dalle quali provengono suoni molesti. Cani che abbaiano, lavori per strada, motorini, gente che parla a voce alta e molto altro potrebbero dare fastidio. Muzo, in pratica, genera delle onde contrarie a quelle provenienti dall’esterno per annullarle o almeno attudirle.

Grande 165 x 75 x 32 mm, pesa 350 grammi e si attacca alla superficie liscia mediante un materiale aderente chiamato TPE. Le modalità di utilizzo dell’accessorio sono tre:

  • Serenity Mode: per eliminare i suoni provenienti dalla strada.
  • Sleep Mode: per eliminare i rumori esterni e nello stesso tempo generare dei suoni rilassanti per conciliare il sonno.
  • Secret Mode: generare un raggio per attutire il chiacchiericcio con gli amici e non farli ascoltare all’esterno da altre persone.

All’interno del Muzo ci sono delle batterie che consentono 20 ore di autonomia. Il progetto si finanzia su Kickstarter. Per 139 dollari si riceverà un’unità da febbraio 2017.

4 Comments

  1. Molto interessante, mi chiedo come faccia a ad intervenire su suoni fisicamente molto differenti l’uno dall’altro. Questi prodotti sono presenti da un po’ nel mondo professionale, penso agli strumenti che si usano negli uffici ad open space, quindi si tratterebbe di uno dei primi ad essere diffuso a livello “consumer”. La cancellazione attiva del rumore è già diffusa ampiamente nelle cuffie (il principio fisico d’altronde è semplice), bisognerà testarlo sulla cancellazione dell’eco (bel problema) e sull’efficienza globale dell’algoritmo. E’ sicuramente da provare, mi incuriosisce parecchio!

  2. Salve, seguo il progetto dal primo giorno della campagna su Kickstarter e la cosa sembra subito interessante. Vorrei solo fare delle precisazioni
    Muzo non usa la tecnologia ANC (active noise cancelling) ma degli “speaker” cosìdetti Exciter che permettono di essere attaccati a qualsiasi superfice per far vibrare l’oggetto come vetri/porte/muri
    da quello che ho potuto capire dopo ricerche e domande allo sviluppatore, è che Celestial Tribe (il nome dell’ azienda che sviluppa Muzo), utilizzando questi exciter (già in commercio dal 2009 se non sbaglio) hanno lavorato ad un algoritmo, per minimizzare le vibrazioni sulle superifici (meno vibrazioni = meno rumore) quando rilevano rumore esterno, il tutto combinato al cosidetto “noise masking” cioè la riproduzione e mixaggio di suoni della natura (tipo cascate etc) che permetterebbero di creare una propria zona di relax.
    Detto questo, vorrei ringraziare per averlo riportato perchè ai più il progetto è passato inosservato (seppur hanno già raggiunto la soglia minima per essere sviluppato).
    Cordiali saluti

  3. Arrivato oggi! Qualche commento a caldo, perché leggo molta fantatecnologia e molte imprecisioni. Alcune, sia chiaro, colpa degli sviluppatori dell’aggeggio che danno da intendere di tutto di più.
    Dunque, mi sembra sia in sostanza quasi al 100% vaporware e avrei fatto volentieri a meno di finanziarlo se avessi capito di che si tratta veramente o se avessi avuto modo di provarlo prima. In pratica, è uno speaker bluetooth molto costoso. Tutto qua.
    Non fa altro. Ha una serie di modalità che producono SOLO ed esclusivamente una sorta di inutile e fastidioso rumore bianco, come una TV vecchio modello quando non è sintonizzata. Nessuna creazione di magiche zone di confort, magiche zone segrete all’esterno delle quali nessuno può sentire quel che dici, NIENTE.
    Si collega bluetooth a Mac, iPhone o altro e fa da speaker. Se lo connetti ad iPhone e hai l’app dedicata, di carino c’è che puoi fargli riprodurre, secondo tue istruzioni, svariati suoni ambientali tipo fiume, pioggia, tuoni, cicale, etc.
    Però una cosa del genere la trovi anche su svariati siti web, gratis. Ci sono tantissimi siti web con mixer di suoni ambientali: ci vai sul browser, colleghi Muzo via bluetooth al computer o allo smartphone e ottieni lo stesso risultato.
    Seriamente, questo apparecchio non fa ASSOLUTAMENTE niente di quello che veniva pubblicizzato. E l’unico suono che emette, SEMPRE, se non lo colleghi bluetooth a qualcosa usandolo come speaker, è un frrrrrrssssssshhhhh continuo tipo TV rotto.
    Sconsigliatissi-missi-missimo 🙂
    Non fatevi fregare.

    • AH, inoltre, Sleep mode non servirebbe nemmeno nelle intenzioni a eliminare suoni esterni. Servirebbe a farti raggiungere uno stato di sonno profondo in fretta. Ovviamente, visto che fa solo quel fastidioso brusio di cui parlavo, se lo tieni su sleep mode è sicuro che non dormirai 🙂

Cosa ne pensi?