Un tizio disegna un telefono nel 1992 e ora chiede 10 miliardi ad Apple

disegno telefono 1992

C’è da dire che gli avvocati americani sono fantastici. Pur di lavorare riescono a convincere le persone delle cose più assurde. E se sono particolarmente bravi magari riescono a convincere anche giudice e giuria. Un po’ come è accaduto con Thomas Ross che abita in Florida.

L’uomo, nel 1992, ha preso un foglio di carta e ha disegnato un cellulare. C’è da dire che all’epoca i primi cellulari facevano capolino nei cataloghi. Così Ross ha disegnato un telefono che si piega a metà, con due schermi e doppia tastiera. Una grande antenna esterna, display LCD monocromatici, celle solari, ingresso per dischi da 3,5”, processore da 16 MHz e 2 MB di RAM.

Ora vuole 10 miliardi di dollari da Apple. Il passaggio mentale dal disegno alla richiesta di denaro non è chiaro. Probabilmente crede di aver inventato l’iPhone e tutto il regno degli smartphone. Peccato che quello nel disegno dell’iPhone non ricorda nulla.

È come se un tizio disegnasse un cerchio su un foglio e poi facesse causa alla FIAT perché crede di aver inventato l’automobile. Che dire, buona fortuna Ross.

One Comment

Cosa ne pensi?