Erdogan sventa un colpo di stato in Turchia grazie a FaceTime

FaceTime Turchia

Ieri sera ci sono state delle ore molto frenetiche in Turchia, nazione quasi europea e appartenente alla NATO. Mentre il presidente turco Erdogan era su un panfilo nelle zone i Bedrum, vicino alla Grecia, un gruppo di militari hanno tentato di rovesciare il potere prendendo il controllo del paese.

Al di là delle motivazioni politiche e religiose, di cui non tratto visto il tema del blog, è molto curioso vedere come il golpe sia stato dissinescato. I militari, infatti, hanno tagliato subito l'accesso ai social network e hanno occupato la TV di stato. Elementi considerati essenziali per le comunicazioni.

Erdogan, però, è riuscito a mostrare la sua totale libertà di movimento grazie a FaceTime. Chiamando una giornalista della CNN, il presidente turco ha mandato in diretta un messaggio alla nazione, chiedendo di ribellarsi e fermare il golpe. Mossa resa possibile dal fatto che le conversazioni con FaceTime sono cifrate, quindi i militari non hanno potuto fermarle.

Solo dopo, accortisi della falla nel sistema, hanno deciso di bloccare internet completamente. Ma ormai il blocco del golpe era stato attivato. Un punto in più per Apple che ha sicuramente trovato giovamento da questa ennesima prova.

Cosa ne pensi?