[ngg_images source=”galleries” container_ids=”410″ sortorder=”3495,3494,3492,3489,3491,3490,3493,3496,3497″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_imagebrowser” ajax_pagination=”1″ order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Mentre il modello con Touch Bar arriverà tra una ventina di giorni, iFixIt ha ottenuto il modello base, quello con tutti i tasti fisici, del nuovo MacBook Pro. L’opera di smontaggio ha constatato il livello di riparabilità del nuovo portatile.

Il nuovo MacBook Pro è chiuso da viti pentalobiche. La batteria contiene una potenza di 54,5 Wh, vale a dire il 27% meno del modello precedente, ma questo non riduce l’autonomia della batteria che resta di 10 ore. Questo significa che è migliorata l’efficienza dell’hardware.

Forse grazie anche al nuovo dissipatore di calore, realizzato mediante delle ventole fatte con alette di dimensione discontinua. Il disco SSD è stato realizzato da SanDisk ed è fatto da blocchi da 64 GB.

In totale il computer ha totalizzato 2 punti su 10, dove 10 è la semplicità più elevata nella riparazione. L’unica cosa riparabile con semplicità è il trackpad, mentre tutto il resto è fissato con della colla piuttosto potente. La memoria RAM è saldata sulla scheda logica e non può essere aumentata, mentre il disco SSD è proprietario.

Leave a comment

Cosa ne pensi?