Recensione del termometro pediatrico Temp Sitter di Gima

Termometro

Essere genitore significa diventare dei giganti. È così che ci vedono i bambini: dei giganti buoni pronti a salvarli in qualsiasi occasione. Un compito duro, che passa anche per situazioni critiche. Tra tutte le malattie, anche perché i neonati non parlano.

Quindi bisogna averne cura facendo doppia attenzione. Per esempio come fare per misurare la temperatura corporea? Si potrebbe usare un termometro elettronico da infilare sotto l’ascella, con il relativo fastidio. Oppure usare un termometro ad infrarossi e scrivere a mano le varie rilevazioni. Oppure usare un sensore pediatrico.

Gima, la società che cura la linea iHealth, ha realizzato il Temp Sitter. Questo sensore è studiato apposta per i bambini. Dal design arrotondato, non graffia la pelle delicata e sembra quasi un giocattolo.

La confezione che mi è stata inviata era ancora una demo, quindi chi lo ordinerà riceverà la grafica definitiva. All’interno della confezione ci sono ben 6 sensori: 2 bianchi, 2 azzurri e 2 rosa. Tutti svolgono lo stesso lavoro, quindi il colore non contraddistingue la funzionalità.

Grande 51 x 32 x 7 mm, si applica alla pelle mediante un adesivo in fibra. Nella confezione sono presenti 10 adesivi da usare in altrettante situazioni di influenza e febbre.

In pratica il Temp Sitter consente di monitorare automaticamente la temperatura del corpo del bambino, con dei tempi decisi dal genitore. Il sensore va applicato sotto l’ascella mediante uno degli adesivi. Ogni adesivo contiene una piccola tasca in cui inserire il sensore e tenerlo a contatto con la pelle.

Tramite l’app ufficiale si può creare un profilo per ogni bambino. All’interno verranno raccolte le varie rilevazioni automatiche, giungendo ad un grafico che ci mostra come sta andando la temperatura. L’app consente anche di ricevere una notifica se la temperatura supera un limite di allarme.

Ogni sensore consente di rilevare una temperatura tra i 25 e i 45 gradi, con uno scarto massimo di errore di mezzo grado. All’interno c’è una batteria, non sostituibile, che garantisce 3.000 ore di utilizzo ininterrotto. Quindi ogni sensore può lavorare per oltre 8 anni.

Nella confezione c’è anche un astuccio da viaggio, utilizzabile per portarlo con se, magari in vacanza. Il termometro pediatrico è molto utile per monitorare tutto il ciclo influenzale e ottenere un grafico della temperatura corporea, senza dover scomodare il bambino ogni volta per la misurazione della temperatura.

Il kit di 6 sensori si acquista su Doctorshop dove è venduto per 49,17 euro. Qui trovate anche le istruzioni.

Aggiornamento: il termometro sarà in vendita dal 10 marzo anche presso la catena Mediaworld.

Cosa ne pensi?