Recensione di Netatmo Welcome, la videocamera di sorveglianza intelligente

Questa storia non l’ho mai raccontata in pubblico prima, ma lo scorso anno mi trovai faccia a faccia con un ladro entrato in casa mia. Probabilmente pensava che in casa non ci fosse nessuno, perché era tutto buio e io guardavo un telefilm in una stanza. Incuriosito dai rumori in cucina andati a vedere cosa accadeva.

Mi trovai nel buio totale con il ladro a pochi centimetri da me e, accortosi della mia presenza, pronunciò semplicemente la parola “Ops” prima di darsela a gambe levate. Ora in quella posizione ho installato una videocamera Netatmo Welcome e, se l’avessi avuta quel giorno, avrei potuto registrarlo.

Questo modello, infatti, registra in formato full HD a 1080p anche al buio, grazie alla presenza dei raggi ad infrarossi. Di forma cilindrica, è costruita in alluminio e misura 15,5 x 4,5 x 4,5 cm, per un peso di 399 grammi. L’alluminio è bello esteticamente, ma si riscalda molto. Ve ne accorgerete quando la toccherete dopo ore di utilizzo.

Questo modello non è motorizzato, quindi non potrete spostare l’obiettivo in remoto. L’ampia visuale, però, vi consente di riprendere una buona parte della stanza in cui è installata.

L’installazione è la più semplice che ho trovato fino ad ora. Basta scaricare l’app gratuita, collegare la videocamera alla corrente e al router con un cavo Ethernet (compreso nella confezione) e capovolgerla per qualche secondo. L’app attiverà un collegamento bluetooth ed effettuerà l’associazione con uno, o più account, che abbiamo registrato.

Uno degli aspetti positivi, infatti, è la possibilità di consentire l’accesso alla fotocamera a tutti i membri adulti della famiglia. Inoltre questo modello ha due elementi che la rendono speciale:

  • Dropbox: anziché pagare un servizio cloud, con i relativi costi mensili, si può associare il proprio account Dropbox e salvare lì i video automaticamente. Questi sono salvati in formato .ts in qualità scelta dall’utente. Nella qualità media (credo sia VGA) 1:17 minuti di video pesano 6,6 MB. Il peso, quindi, non è eccessivo.
  • Riconoscimento dei volti: la videocamera registra i volti che passano di fronte all’obiettivo. Se ci persone che passano spesso, come membri della famiglia, è possibile addestrarla per riconoscerli. In questo modo avremo due cose: 1) la possibilità di non registrare video se il movimento è generato da un familiare; 2) ricevere una notifica quando un familiare torna a casa.

Il sistema di notifiche, infatti, ci avvertirà quando la videocamera registrerà un movimento, oppure rileverà un volto sconosciuto. In questo modo sapremo, attraverso una timeline, l’orario preciso in cui è avvenuto l’evento e il relativo video registrato. Questi viene archiviato in una microSD da 8 GB. La scheda contiene un apposito software in Linux che ne garantisce la crittografia end-to-end, quindi non va sostituita o formattata. Ogni video nuovo cancellerà l’ultimo quando lo spazio si riempirà.

Oltre ai movimenti e ai volti, la videocamera si attiva se parte un allarme. Quindi se magari avete un sensore alle finestre e questi fa partire un allarme, la videocamera si attiverà e inizierà a registrare anche se davanti al sensore non è ancora apparso nulla, in modo da permettervi di comprendere che cosa accade. Un microfono vi farà ascoltare che cosa accade nella stanza. Non possiede uno speaker per consentirvi di dire qualcosa, tipo “ho chiamato la polizia sei spacciato”.

Inoltre questo modello ha altre due criticità: 1) non ha delle batterie integrate. Se il ladro staccherà la corrente la videocamera si spegnerà, così come si spegnerà probabilmente il vostro router; 2) ha un gap di 10 secondi tra l’inizio della rilevazione del movimento e la registrazione con la relativa notifica. Questo significa che se tecnicamente un ladro apre la porta, scorge all’istante la videocamera e si fionda in un lampo per spegnerla, ha la possibilità di renderla inoffensiva.

Considerando il suo design, questa versione non è adatta ad essere appesa sui muri. Per quel genere di necessità c’è la Presence che funziona anche all’esterno delle abitazioni, ma costa di più.

La Welcome, da come si evince dal nome, è più adatta a monitorare la porta di casa, magari nascosta su una mensola o un mobile. È anche utile per sapere quando un familiare torna a casa.

Riassumendo la Netatmo Welcome è ideale per monitorare le abitazioni dall’interno. È possibile anche installarne più di una in casa. Il design è carino, anche se l’alluminio si riscalda molto. Non è motorizzata e non ha batterie integrate, ma consente di usare il proprio account Dropbox per salvare automaticamente i video quando rileva dei movimenti o dei volti sconosciuti. Così se il ladro distruggerà la scheda microSD, avremo sempre una copia da consegnare alla polizia.

L’installazione è semplicissima e il sistema di notifiche funziona bene, anche se abbiamo un gap di 10 secondi da ciò che accade in un ambiente e lo streaming. La trovate su Amazon dove è venduta per 164,99 € invece di 199 €.

One Comment

Cosa ne pensi?