Google Art & Culture, l’app che avvicina all’arte

Google Arts & Culture

Negli Stati Uniti è diventata una sorta di app virale. Il che è strano considerando che si tratta di un’app per l’arte. La Google Arts & Culture, però, ha una funzione che consente di conoscere il proprio sosia culturale in base ad un selfie.

In pratica dopo aver scattato una foto, l’app cerca nel catalogo delle opere d’arte per scovare, usando il machine learning, quale personaggio ci assomiglia di più tra quelli presenti nei quadri. La viralità si è avuta per le strane associazioni trovate e anche per qualche polemica. Alcune persone, infatti, sono state identificate in alcuni animali.

Nella versione italiana la funzione del riconoscimento del sosia non c’è ancora. In compenso è possibile cercare opere da studiare, viaggiare tra i tour virtuali, usare i CardoBoard per vedere le opere in 3D, conoscere le collezioni e osservare le esposizioni più vicine.

Tramite la geolocalizzazione, infatti, è possibile ricevere le notifiche per gli eventi dedicate all’arte. Google Art & Culture pesa 65 MB e si scarica gratis dall’App Store. Funziona negli iPhone e iPad.