Avete mai provato a fotografare con l’iPhone sotto l’acqua? C’è grande difficoltà nell’azionare la fotocamera quanto lo schermo è bagnato. Il touchscreen non risponde ai tap perché l’acqua distribuisce la forza elettrostatica del dito sulla superficie dello schermo, annullandone l’efficacia.

Una soluzione potrebbe essere quella di attivare la fotocamera prima di entrare in acqua e poi fotografare con il tasto laterale dell’iPhone. Oppure attivare il conto alla rovescia fuori dall’acqua e immergersi per poi lasciare fotografare al telefono.

A tal proposito arriva anche un brevetto. La società di Cupertino ha brevettato un sistema che consente di fotografare belle foto sotto l’acqua. L’obiettivo è evitare distorsioni ottiche e l’effetto verdognolo che si ottiene fotografando sotto l’acqua.

Grazie all’uso del machine learning, lo smartphone sarà in grado di correggere la foto quando si accorge che il telefono è immerso. Al momento non sappiamo quando sarà disponibile questa funzione.

Vi ricordo che i recenti iPhone sono certificati per lo standard IP68 e possono resistere immersi fino a 2 metri di profondità per 30 minuti. Ricordate, però, che la società non fa valere comunque la garanzia per i danni causati dai liquidi.

Leave a comment

Cosa ne pensi?