Il 7 settembre è stato dato lo start alla rivoluzione che andrà ad investire probabilmente il futuro degli iPod: la miniaturizzazione. Misure ridottissime per il nuovo gioiellino Apple che presenta un volume del 62% minore dell’ormai pensionato iPod Mini, ma certo non manca la grinta che contraddistingue tutti gli iPod e sopratutto tanta tecnologia.

Dopo il colpo di fumine che mi aveva colpito guardandolo la prima volta, decisi che doveva essere mio. Il piccolino mi ammiccava con quel suo design raffinato ed elegante e la sua aria da nanetto tecnologico.

Così dopo poche settimane decisi di approfittare dell’acquisto di un iBook per ordinare anche il Nano.

L’ho preso nero, da 4 GB e con l’incisione laser gratuita sul retro: “Kirocop – Impossible is Nothing” cita, giusto per ricordarmi che l’unico limite nella vita è la fantasia e la forza di volontà.

Ordinato il 22 settembre, pagato il 26 è arrivato il 24 ottobre!!! Dopo circa un mese per via del grande successo che lo ha fatto raggiungere il record di vendite di 1 milione di pezzi nei primi 17 giorni dalla collocazione sul mercato.

L’attesa è stata estenuante ma ben ripagata. Gli preparai anche il calzino arancione della Apple e l’Invisible Shield per proteggerlo, come dire, ancora doveva arrivarmi e già lo viziavo.

Non vi porterò in giro in tour fotografici in questa recensione. Ce ne sono già tanti per la rete e sicuramente più curati e definiti di quello che riuscirei a produrre io con il mio cellulare da 1 Megapixel.

Tanto per fare qualche esempio potete visitare questo oppure quest’altro.

La Confezione

Ben curata come sempre Apple sa fare. Compatta e con carta di ottima qualità con la sagoma dell’iPod Nano in rilievo. Aprendola a libro si osserva l’iPod a destra e a sinistra c’è un piccolo box che contiene:

  • l’adattatore per il dock

  • il cavetto per collegarlo alla porta USB 2.0

  • le cuffiette bianche e grigie

  • 2 coppie i copricuffiette nere

  • manuali e garanzia

  • il cd con iTunes e documenti vari

  • adesivi con la mela Apple

L’iPod Nano

Come dicevo il mio è nero e da 4 GB di memoria flash. Il peso è di soli 62 grammi (20 in più dell’iPod Shuffle) e non cambia se si sceglie la versione da 2 Gb che si differenzia da quella da 4 GB soltanto nella capacità perchè grandezza e forma sono invariate, infatti risultano in entrambe le versioni essere 9.0 x 4.0 x 0.69 centimetri.

Lo schermo è a 65000 colori grande 1,5 pollici. L’autonomia è di 14 ore (2 in più rispetto allo Shuffle) e la connettività con gli accessori per gli iPod classici è molto ampia, figurano non compatibili il Camera Connector per passare le foto da una fotocamera all’iPod.

Il Menu

Risulta pratico e veloce grazie alla memoria flash. Di base si ha il seguente ordine:

  • Musica
  • Foto

  • Extra

  • Impostazioni

  • Musica casuale

E quando è in riproduzione un brano appare la voce “in riproduzione”. Naturalmente ogni voce principale ha le sue sottocategorie ed è possibile impostare una sottocategoria portandola a categoria superiore. Ad esempio io ho spostato “blocco schermo” in categoria superiore.

La Musica

Suono ottimo ed è possibile anche regolare le tonalità tramite l’impostazioni dell’equalizzatore preimpostato in varie voci: “pop, rock, aumenta bassi, vocale ecc.”. I brani sono organizzati in comode playlist ed è possibile selezionare i brani per autore, album, artista e genere musicale.

Tutto questo è gestibile con iTunes che ha numerose funzioni impostabili come ad esempio il podcast, l’aggiornamento automatico dei brani, le foto e così via.

Da iTunes 5 in poi, fra l’altro, è possibile inserire il testo delle canzoni nei brani e fare una sorta di karaoke se si vuole. Per una recensione su questa funzione potete leggere questa.

Devo sottolineare che nel modello di Nano venduto nei paesi EU c’è il blocco del volume, come gli altri iPod, ma tale volume è raggirabile utilizzando il programma GoPod scaricabile gratuitamente qui.

Le Foto

Anche se lo schermo è piccolo le foto si vedono sorprendentemente bene. E’ possibile impostare in iTunes l’opzione per importarne in alta risoluzione, ma onestamente non ho trovato l’esigenza di farlo.

L’organizzazione è in album e si sincronizza direttamente con iPhoto (non so con windows come facciano a sincronizzarle visto che non esiste iPhoto per quel sistema). La navigazione risulta molto veloce ed è possibile anche impostare i settaggi per far partire le presentazioni con tanto di musica di sottofondo.

Gli Extra

Gli extra sono per tutti i gusti e rendono questo gioiellino oltre tecnologicamente avanzato, anche molto appetibile rispetto gli altri player musicali.

All’interno troviamo di tutto:

  • I giochi: 4 e molto carini (Brick, Paracadute, Solitario e un gioco che sembra Sarabanda in cui bisogna indovinare in un tot di secondi il titolo di una canzone pescato nella libreria del lettore).
  • I fusi orari impostabili con diverse città

  • La sveglia

  • Il cronometro

  • Le note

  • Il calendario con gli impegni sincronizzabili da iCal nei Mac e da outlook nei pc

  • I contatti sincronizzabili da Rubrica nei Mac e outlook nei pc

  • Il blocco dello schermo (molto carino) che permette di impostare una password di 4 cifre che si inseriscono tramite la ghiera e si osserva una deliziosa rotellina di cassaforte che gira.

Lo Schermo

Punto debole dell’iPod Nano è proprio lo schermo. La Apple ha infatti diramato una dichiarazione attraverso la quale fa sapere che lo 0.01 % della produzione di settembre presenta dei difetti di fabbricazione allo schermo e, nonostante abbia confermato che i materiali utilizzati per fabbricarlo siano gli stessi per gli altri iPod, è stata fatta una causa collettiva con uno studio legale americano per chiedere il risarcimento dei danni.

Onestamente, in questo momento, il mio iPod non presenta nessun difetto e lo schermo funziona egregiamente forse anche grazie all’applicazione dell’Invisible Shield ma non posso provare che sia quella pellicola a proteggerlo. Se il mio schermo si romperà senza motivo lo farò sapere sul mio blog comunque.

Devo dire, però, che un sito tecnico ha effettuato una serie di test sul Nano torturandolo un bel pò. I risultati sono ottimi e fanno ben sperare che sia sul serio lo 0,01 % della produzione di settembre ad essere difettata e che i restanti Nanetti siano molto solidi e affidabili.

Conclusioni

Il prezzo di listino Apple è di 209,00 euro per il modello da 2 GB e di 269,00 euro per quello da 4 GB ed è possibile scegliere tra il colore bianco e nero. I prezzi Educational per studenti e personale scolastico passano a 192,00 euro per il modello da 2 GB e 247,20 euro per quello da 4 Gb. L’incisione laser e la spedizione sono gratuite.

Considerando il concentrato di tecnologia racchiusa in quel minuscolo iPod e considerato che stiamo trattando con un player musicale equipaggiato con una memoria flash, e infine, considerando la garanzia che offre Apple per i suoi prodotti e l’assistenza che offre in caso di problemi, vale ogni singolo centesimo del prezzo pagato e non lo dico per fare pubblicità (visto che non sono un pubblicista).

Il Nanetto è diventato il mio compagno di viaggio che in questo momento mi permette di portare con me oltre 3,5 GB di musica che ho selezionato nel mio archivio, oltre 300 foto per risvegliare i ricordi e tante altre funzioni che certamente avranno il tempo di diventare molto utili.

Leave a comment

Cosa ne pensi?