Aspettata come fosse manna dal cielo, Disco è la nuova applicazione della casa MacZot, la stessa dell’applicazione AppZapper per la disinstallazione dei programmi (forse qualcuno lo ricorderà per l’offerta lancio con la fregatura).

Disco si prefigge di affossare Toast Titanium, l’applicazione attualmente leader per la masterizzazione per computer Mac. Lo slogan di questa applicazione infatti recita: “Ecco Disco, il software che si mangia Toast a colazione”.

Disponibile attualmente solo in versione beta destinata ai soli invitati, sarà in vendita tra un paio di settimane. Noi di Melamorsicata l’abbiamo provata per voi. Ecco le nostre considerazioni.

Innanzitutto batte in primis Toast con il suo prezzo molto competitivo. Disco costa con offerta lancio 14,95 dollari, mentre Toast costa ben 79,99 dollari.

L’applicazione da appena 1,2 Mb, è molto leggera ma non per questo priva di grafica o funzionalità. Tra le caratteristiche un sistema semplice e visualmente accattivante che include funzioni avanzate quali il disc spanning, copie identiche, il supporto multissessione, supporto al sensore di movimento, masterizzazione delle cartelle VIDEO_TS e varie opzioni per la creazione di immagini disco.

Abbiamo masterizzato un semplice disco dati, ecco come è andata.

Aprendo il programma una simpatica immagine ci esorta a inserire un cd vergine.

In seguito, con il drag and drop, si spostano le cartelle da masterizzare nell’elenco. Appaiono le cartelle con lo spazio richiesto da ognuna. In alto è possibile dare un nome al cd, a sinistra appare lo spazio totale richiesto e a destra lo spazio totale del disco.

Una volta premuto su “burn” (masterizza), appare l’icona animata del disco in masterizzazione.

Appena la masterizzazione è iniziata un disco animato al centro mostrerà l’avanzamento della masterizzazione. Sul lato sinistro si leggerà la percentuale di avanzamento e sul lato destro il tempo necessario per terminare il lavoro e quello passato.

La fase successiva prevede un controllo generale del disco per verificare che il tutto sia stato fatto a dovere.

Ecco il disco bello è fatto. Volendo è possibile farne un’altra copia.

Ecco uno screen delle opzioni del programma.

Purtroppo Disco non prevede, o forse non prevederà, la creazione di cd musicali partendo da mp3.

Trovate altre informazioni, o prenotare il programma, sul sito discoapp.com

Leave a comment

Cosa ne pensi?