Nuovo .Mac con qualche critica

Apple ha aggiornato il servizio .Mac come annunciato qualche giorno fa. Durante la conferenza stampa del 7 agosto, Steve Jobs ha mostrato come il servizio di si integri alla perfezione con la nuova suite iLife '08, specialmente con iPhoto e iMovie.

Per sopperire alla necessità di spazio il servizio è stato portato da 1 GB a 10 GB, una quantità sufficiente per l'utente medio. Ecco ora come è possibile utilizzare il servizio:

  • Galleria Web. Con iPhoto è possibile spedire i propri album per visualizzarli on-line e condividerli con amici e parenti. La grafica del servizio è molto gradevole e utilizza la potenza del Web 2.0 per sfruttare alcune opzioni, come la visualizzazione delle immagini, gli slideshow, la stampa e molto altro.
    Le stesse gallerie possono essere create con i filmati prodotti con iMovie.
  • Web Hosting. Tramite iWeb è possibile creare siti personali e caricarli nel proprio spazio .Mac. Ora il servizio permette anche di gestire un dominio personale. Ricordiamo che iWeb ora possiede anche i widget con cui inserire filmati di YouTube, mappe di Google, pubblicità AdSense e molto altro.
  • Posta elettronica. Il servizio mette a disposizione anche un indirizzo @mac.com con cui gestire la propria posta.
  • Gruppi. E' possibile creare gruppi on line con cui condividere messaggi e file.
  • Sync. E' possibile sincronizzare la Rubrica, iCal, i bookmark di Safari e molto altro caricandoli on line.
  • iDisk. Il servizio permette di caricare i nostri file on line e scaricarli da ogni computer.
  • Backup. Grazie all'applicazione di Apple possiamo decidere di salvare i nostri file più importanti nel nostro spazio per tenerli a sicuro in caso di furto del computer.

Raccontata così è tutto molto bello e funzionale, se non fosse per un elemento fastidiosissimo: il prezzo. Il servizio è molto costoso considerando quello che offrono gli altri concorrenti. Dopo il periodo di prova di 60 giorni, infatti, ci sarà chiesto di pagare l'abbonamento annuale che costa 99 €. Onestamente se costasse tra i 15 e i 30 € non ci penserei due volte e lo comprerei al volo, ma 100 €, circa 200.000 vecchie lire, sono troppe.

Vediamo cosa troviamo in giro per evitare a tutti i costi di comprare .Mac.

Galleria Web
Per condividere le gallerie di foto possiamo utilizzare un servizio ormai solido e famoso come Flickr. Nella versione "lite", cioè gratuita, possiamo caricare fino a 100 MB di foto al mese in massimo 3 album. Pagando 24,95 $ all'anno (18 €) ci saranno eliminati tutti i limiti. Possiamo caricare migliaia di foto in tutti gli album che vogliamo.

Per le gallerie video, invece, come non citare i blasonati YouTube o Google Video. Entrambi i servizi sono gratuiti anche se abbiamo dei limiti di dimensioni. Per esempio su YouTube i filmati non possono eccedere i 100 MB e i 10 minuti di lunghezza.

Web Hosting
Esistono molti servizi che mettono a disposizione dello spazio on line per caricare i propri siti personali, tra questi l'italiana Altervista. Il servizio gratuito permette di usufruire di 100 MB di spazio, 10 GB di banda, servizio ftp e tante risorse per caricare i propri siti. Volendo è possibile acquistare servizi potenziati, ma per mantenere un sito personale la dotazione iniziale è molto buona.
Volendo potete esportare il sito creato con iWeb e caricarlo in Altervista o altri servizi.

Posta Elettronica
Perchè pagare 99 € ad Apple per la posta che altri regalano? L'e-mail .Mac ha anche il limite di spazio, se usiamo Yahoo Mail, invece, non solo possiamo ricevere tutta la posta che vogliamo, ma anche utilizzare l'interfaccia Web 2.0 per gestirla. Inoltre il servizio offre strumenti molto utili come un potente antispam e antivirus.

Gruppi
I gruppi li offre da anni Yahoo e recentemente anche Google. Tutto naturalmente completamente gratis.

Sync
Per la sincronizzazione dobbiamo affidarci a più servizi, almeno che io sappia. Per i bookmarks possiamo utilizzare Del.icio.us per tenerli on line, mentre per il calendario possiamo utilizzare Google Calendar. Per la rubrica del telefono con Zyb possiamo spedire i contatti direttamente dal cellulare e tenerli on-line.

iDisk
I servizi per uppare file da scaricare dove vogliamo sono moltissimi. Io ne consiglio due che ho testato con soddisfazione, naturalmente sono entrambi gratis: Box.net e Mediafire.

Backup
Per creare copie di backup on line suggerisco senza dubbio Mozy. Il servizio mette a disposizione 1 GB completamente gratis, oppure si può pagare 4,95 $ al mese (3,60 €) per avere spazio infinito. Grazie a una comoda applicazione compatibile con Mac, possiamo decidere cosa salvare e stabilire la sincronizzazione dei backup.

puntoMac