Apple posticipa l’uscita del firmware 2.0 sottovoce

iPhone 3G push

Distraendo gli sviluppatori con l’iPhone 3G, Apple ha silenziosamente posticipato di qualche settimana il rilascio del firmware 2.0 per iPhone e iPod Touch, dichiarando che sarà disponibile il prossimo 11 luglio, contro il mese di giugno fissato durante la roadmap del Keynote di marzo.

Sono molte le aspettative che i clienti hanno maturato per questa versione di Os X mobile. Ci si aspetta di colmare alcuni gap molto semplici come il copia/incolla, la registrazione video, il supporto agli MMS e altro. In realtà, in riguardo questa ultima feature, la società sembra più orientata a puntare tutto sulla push mail, una tecnologia che permette di ricevere le e-mail con la stessa velocità con cui si ricevono gli SMS, senza dover interrogare il proprio account. Una soluzione che potrebbe diventare ottima se la maggior parte dei propri contatti la utilizzerà in futuro.

Guardando la presentazione di Steve Jobs si nota il grande interesse della società per i programmi installabili. Oltre al supporto di Exchange che permetterà alle imprese di caricare dati e applicazioni automaticamente verso tutti i telefoni dei propri dipendenti, gioca un ruolo molto importate l’App Store che saprà mettere a disposizione giochi e programmi, a pagamento o gratuiti, direttamente dai dispositivi, con un’interfaccia che ricorda l’iTunes WiFi Music Store.

Durante l’evento, tra l’altro, alcuni sviluppatori hanno mostrato alcuni programmi che da luglio potremo scaricare:

  • Super Monkey Ball. Un gioco che consta di 100 livelli e che utilizza l’accelerometro e il touch screen per governare una scimmietta in vari percorsi. Costerà 9,99 $.
  • eBay per seguire le proprie aste, fare offerte, creare inserzioni direttamente dall’iPhone grazie all’ausilio della fotocamera integrata.
  • Loopt, un programma di social networking per trovare i propri amici sfruttando anche Google Maps e il GPS.
  • TypePad per aggiungere foto e articoli nei blog che fanno uso di questa piattaforma.
  • Associated Press per ricevere e raccogliere notizie.
  • Enigmo e CroMag Rally di Pangea Software. Due giochi, rispettivamente di logica e di guida di go kart preistorici, che fanno uso dei sensori del telefono. Il costo di ciascun gioco sarà di 9,99 $.
  • MIMvista, un programma per medici per visualizzare immagini mediche ed effettuare rendering in 3D.
  • Kroll di Digital Legends. Un gioco di avventura fantasy.
  • Music Cow che permetterà di sfruttare 12 strumenti musicali e registrare le proprie composizioni in file musicali.

Uno degli elementi interessanti che Apple ha voluto sottolineare e la gestione di questi programmi. A differenza dei dispositivi che fanno uso di Windows Mobile, infatti, non ci sarà la possibilità di mettere in background un programma per avviarne un altro, questo perchè rallenterebbe il sistema come avviene negli altri dispositivi. In pratica entrando in un’applicazione la si usa con tutta la potenza del telefono, passando a un’altra si sposta la potenza sull’altra chiudendo il programma corrente. Una soluzione che porta il sistema a essere sempre scattante. Ma se volessimo usare l’instant messaging? Saremo costretti a disconnetterci, controllare un programma e poi tornare a quello precedente e riconnetterci? Se ci pensiamo bene Apple permette il background per alcune applicazioni, ad esempio si può ascoltare la musica mentre si naviga con Safari Mobile, ma la soluzione trovata da Cupertino è un’altra.

Un server collegato con il telefono farà da ponte per i programmi che necessitano di non far perdere dati. Per esempio con l’instant messaging: ci colleghiamo, premiamo home per andare in Mail e controllare la posta, i server Apple si fanno carico di mantenere i dati delle chat on line, ritorniamo all’instant messaging e i server ci rimandano i dati aggiornati con tanto di nuovi messaggi o vecchie conversazioni.

Intanto la società ha rilasciato la beta 7 dell’SDK, con la speranza che l’11 luglio potremo vedere un telefono completo anche dal punto di vista software. Il nuovo firmware 2.0 sarà gratis per chi comprerà un iPhone 3G, mentre chi possiede un iPod Touch dovrà pagare 9,95 $ per averlo (prezzo non ancora comunicato per l’Italia).

  • Penso ci sia un errore.. A quanto ne so l’ app si chiama “Band”, e music cow è la software house. Ciao 😉