MobileMe: la mia recensione

MobileMe

Dopo i problemi iniziali, sono finalmente riuscito a mettere le mani sul servizio MobileMe utilizzando i 60 giorni gratuiti di prova e onestamente mi sono trovato d’avanti una piattaforma leggermente giù di tono rispetto le novità mostrate nell’ultimo WWDC ’08.

La registrazione è abbastanza semplice e richiede una carta di credito per essere conclusa. Questo perchè Apple si avvale di una clausola di silenzio assenso, da accettare spuntando una casellina, che avverte del pagamento automatico della quota annuale di 79 € al termine del periodo di prova. Una volta attivato possiamo impostare il tutto su 3 fronti: 1) il computer; 2) le applicazioni web; 3) L’iPhone o l’iPod Touch. Questo è necessario per far comunicare le tre piattaforme in quella che Apple ha chiamato sincronizzazione istantanea dopo aver eliminato gli accenni alla tecnologia Push.

DAL COMPUTER

Se andate in “Impostazioni” troverete, dopo aver installato l’apposito aggiornamento, l’icona di MobileMe. In quella sezione basta inserire i vostri dati di login per impostare la sincronizzazione di alcuni parametri, quali i preferiti, i calendari, i contatti, i widget di dashboard, gli elementi del dock, il portachiavi, gli account e le regole di Mail, le note, le preferenze e altro. Da quel momento salverete nel vostro spazio, che di base è di 20 GB, le opzioni selezionate.

Sempre dal computer è possibile attivare il disco virtuale iDisk e salvare i file o prelevarli dal proprio spazio on line direttamente dal Finder. Se utilizzate applicazioni quali Rubrica o iCal, aggiungendo o togliendo elementi vedrete le modifiche negli altri terminali o computer in vostro possesso in 15 minuti se usate Leopard o 1 ora se usate Tiger.

DAL WEB

Le applicazioni web sono ben fatte e danno l’impressione di lavorare off line, al patto di avere una connessione internet abbastanza potente. Accedendo al sito me.com avrete a disposizione:

  • Mail. Il programma di posta elettronica quasi identico a quello presente nel computer. Tramite questa applicazione potrete gestire la posta in arrivo e rispondere velocemente tramite il pulsantino di risposta che appare su ogni email. Purtroppo alla composizione delle email manca l’opzione di completamento automatico e anche il supporto alla rubrica, almeno nella mia prova, non ha funzionato nonostante ci fosse l’apposito tasto.
    All’interno delle impostazioni potrete decidere quanto dei vostri 20 GB volete riservare a Mail. Ogni allegato non potrà superare i 20 MB.
  • Rubrica. Identica come nel computer e altrettanto facile da gestire. E’ possibile creare anche dei gruppi in modo da indirizzare la posta a un singolo gruppo, oppure semplicemente per dividere i contatti di lavoro da quelli personali.
  • iCal. Molto simile a quella per il computer e facile da gestire. Purtroppo non è disponibile l’opzione per la condivisione dei calendari. Sarebbe stata utile, ad esempio, per gestire gli appuntamenti con altre persone quando si lavora a un progetto comune. Funzioni che sono presenti in Google Calendar che è anche gratuito.
  • Galleria. Quest’applicazione permette di caricare direttamente dall’iPhone o da iPhoto le nostre immagini per renderle disponibili on line. Ogni file non può superare 1 GB di peso, alla luce che è possibile anche caricare i video. Se vi interessa ho creato una galleria di prova qui http://gallery.me.com/kiro
    La visualizzazione delle foto è abbastanza carina, con la possibilità di scegliere tra griglia, mosaico, carosello e presentazione.
    Purtroppo se da un lato l’interfaccia richiama le tecnologie 2.0, dall’altro non ne considera la filosofia. Non è possibile lasciare commenti e l’unica condivisione è quella del dawnload o dell’invio attraverso l’email del link all’album. Considerando che Flickr è diventato ormai il punto di riferimento per il photosharing e permette di avere spazio infinito pagando una piccola quota annua, direi che le gallerie di Apple resteranno uno strumento per pochi e destinato a non decollare su vasta scala.
  • iDisk. Contavo particolarmente su iDisk, ma purtroppo non è come lo vorrei. Se da un lato mette a disposizione abbastanza GB di dati, dall’altro non offre una concreta fruizione dei file. La possibilità di condividere singoli documenti, settando anche il numero di download massimi o il tempo limite, è stata messa da parte per ora a favore della cartella pubblica. In questa sezione, raggiungibile tramite un apposito link, potrete mettere a disposizione file da scaricare o permettere anche ad altre persone di aggiungerne. Considerando che negli ultimi mesi stanno crescendo i servizi che offrono spazio per i propri file gratuitamente, direi che Apple farebbe meglio ad umentare le opzioni del suo servizio.

La cosa positiva della piattaforma Web è che tutto ciò che aggiungerete o modificherete, lo troverete anche negli altri computer o dispositivi grazie alla sincronizzazione immediata. Da una mia prova la sincronizzazione non richiede più di 5 secondi.

DALL’IPHONE o IPOD TOUCH

Il vero punto di forza di tutto MobileMe è la possibilità di sincronizzare in brevissimo tempo ciò che modificate nei calendari, email o rubrica dell’iPhone o dell’iPod Touch. La posta elettronica è Push e i nuovi messaggi vi saranno notificati nel telefono o nel player con la stessa velocità della notifica degli SMS. Questo continuo dialogo con i server, però, consuma batteria e ne limita l’autonomia.

Tra le funzioni disponibili per l’iPhone c’è la possibilità di caricare le immagini scattate con la fotocamera nella propria galleria. In questo modo gli amici e parenti iscritti al feed rss riceveranno la notifica della presenza di nuove foto. Purtroppo non è possibile proteggere le immagini con una password, in questo modo non potrete far vedere al vostro migliore amico la foto che vi hanno scattato mentre eravate ubriachi alla festa senza farlo sapere anche a vostra madre.

Tra le altre note amare non posso non parlare dell’assenza di supporto a iDisk nel dispositivo. Non si possono salvare gli allegati ricevuti per email nel proprio spazio e non si possono aggiungere file del proprio spazio nelle email. Non esiste neanche la possibilità di navigare in Safari Mobile per gestire i propri file on line.

Non posso tralasciare neanche la mancanza della sincronizzazione delle note del computer con quelle di Os X Mobile, funzione che, come quella per iDisk, poteva essere implementata senza problemi.

CONCLUSIONI

Il servizio MobileMe sulla carta è come una Ferrari con gli interni di una FIAT Duna. Ha molte potenzialità ma viene offerto meno di quello che ti aspetteresti. Alla luce della quota annuale di 79 € direi che Apple dovrebbe essere quasi obbligata a migliorare la piattaforma nei prossimi mesi. Se volete provarlo 60 giorni  non vi costa nulla. Personalmente ho forti dubbi nel confermare l’account al termine del periodo di prova.

  • margarit

    Grazie per la recensione. Molto precisa.
    Devo dire che ero molto interessato al servizio .Mac prima e a MobileMe negli ultimi giorni. Ma gli ultimi avvenimenti mi stano facendo cambiare idea.
    Di colpo la tecnologia “Push” è sparita. Apple la citava ovunque per palare di MobileMe, adesso niente più. Non posso avere un’iDisk agile che posso gestire come voglio, link via mail, file da scaricare sul mio sito. non posso condividere i calendari? Non posso avere i commenti nelle gallerie? Uffa! Flickr te lo da gratis! Cosa serve ad Apple per implementare una cosa del genere, un premio Nobel per l’informatica? Vabbè che si può risolvere mettendo le gallerie nei post dei blog fatti con iWeb e avere quindi i commenti. I blog di iWeb… Mi è sempre piaciuto. Semplice, minimalista, essenziale… Già troppo essenziale. Mi servono tag, categorie, INTERFACCIA WEB, non ho venti mac io! Mi serve il supporto a MySql e PHP. E se Apple non li vuole mettere, pazienza. ma che almeno sfrutti seriamente il suo Web Objects. iWeb sarebbe il CMS perfetto se solo Apple non lo azzoppasse in questo modo, secondo me stupido. Manca anche un modo per creare un sito di e-commerce. Tecnologia che Apple possiede, per non dire inventato. Mi serve soprattutto un iWeb dinamico che supporti la rubrica indirizzi e mi permetta di mettere su iscrizioni, newsletters po altre cavolate che con wordpress e un plugin del cavolo faccio in due minuti.
    Giuro lo pagherei 200 € all’anno MobileMe se fosse un servizio serio e veramente web 2.0

  • Sheik

    potrebbe anche essere interessante se oltre a supportare IE e Outlook (ma c’è davvero qualcuno che li usa?) avessero incluso anche FireFox, Opera e Thunderbird.
    da quello che so con Thunderbird si può scaricare la posta, ma non viene aggiornato se è stata letta o meno e comunque restano tagliati fuori i contatti.
    poi se uno non usa Safari (nemmeno su mac) serve davvero a poco.
    Se un giorno includeranno un serio supporto a Mozilla lo prenderò, altrimenti per quanto questo prodotto mi ispiri non mi servirebbe a nulla (15 minuti non sono un grosso problema, in teoria la funzione di sincronizzazione serve non quando sei a mezzo metro dall’altro terminale ma quando sei fuori casa)

  • alibert81

    io ho ancora grossi problemi a far sincronizzare tutti i dispositivi

  • Idrotermotecnica

    Una recensione da incompetente

  • alibert81

    scrivicene una tu idro, attendiamo con ansia che ci illumini sulle funzionalità nascoste di mobileme

  • Dario

    …non capisco queste affermazioni del cavolo. se non ti piace la recenzione, con garbo, ci dici il perché. altrimenti smetti di leggere e basta. chi sputa sentenze in questa maniera evidentemente ha pochi argomenti, manca di cultura e vocabolario per articolare le sue ragioni, ignora un po’ di dialettica, ha solo voglia di attaccare briga, e rompe notevolmente i “cabbasisi”! e che cavolo!

  • peppelom

    ciao, anche io ho aperto un account mobile me 5 giorni fa…piccolo particolare non riesco a trovare da nessuna parte l’aggiornamento per il mio tiger che mi consenta di avere la famosa nuvoletta nelle preferenze di sistema…e quindi non posso sincronizzare il mio mac con l’account…
    puoi aiutarmi?

  • Prova ad andare in impostazioni, poi premi sull’icona di .Mac e su maggiori informazioni. Ora chiudi informazioni e fai di nuovo la ricerca in aggiornamento software e vedi se ti appare.

  • peppelom

    non è successo niente…

  • rino

    un aiutino . come faccio a connettermi al mio idisk dall’iphone???

  • Al momento non è possibile accedere a iDisk dall’iPhone

  • aledis

    carico un appuntamento sul calendario mobile me ma non viene sincronizzato su ical.. qualcuno sa perchè?