Apple vieta ad Opera di salire sull’iPhone

Arriva un’altra vittima della mannaia di Apple. Qualche giorno fa, infatti, Jon Stephenson von Tetzchner, CEO di Opera, ha dichiarato che una versione del noto browser è già pronta per l’iPhone ma che Apple non permette lo sbarco nell’App Store.

Se da un lato il negozio unico delle applicazioni permette ai clienti di trovare tutti i programmi per il telefono e agli sviluppatori di arricchirsi, dall’altro favorisce un controllo totale da parte della Mela che può decidere, come in questo caso, chi è accettato o meno a sedere alla tavola degli sviluppatori.

Personalmente credo che Opera per iPhone non mi mancherà per nulla in quanto Safari Mobile mi permette una buona navigazione, ma qualcuno potrebbe issare il drappo della censura ed avercela con Apple. Voi cosa ne pensate?

[via NewYorkTimes]

  • tommolommo

    Be! nn capisco l’inghippo. Safari rimane un ottimo browser, sarò che se ho uno strumento e funziona bene mi basta quello. E’ pur sempre un cellulare nn un mac.

    ?

  • Mackley

    Magari Opera (che ha una grandissima esperienza in Web browser per dispositivi mobili) funziona meglio e chissà… forse lavora con Flash… altra “applicazione” che Apple vuol tenere lontana dal iPhone !

  • Luca

    Commentare la notizia minimizzandola adducendo la motivazione “tanto ho Safari, ne faccio a meno” è piegarsi alla logica monopolistica che apple sta mettendo in pratica.

    Che del programma non si abbia bisogno è assolutamente irrilevante, quale dovrebbe essere la reale motivazione alla base di questo veto? Perché a me l’unica che viene in mente è quella di impedire la concorrenza..

  • Prima o poi la gente si stanca della mannaia di Apple, mi sembra stiano tirando un po’ troppo la corda!

  • iMario

    Non capisco questo tonfo dalle nuvole a leggere una notizia del genere. E’ noto e risaputo, nonché accettato al momento della sottoscrizione del controatto sdk con Apple che é vietato sviluppare software che duplichino le funzioni native del telefono. Fine, punto. Nessuna mannaia. Solo una regola contrattuale. Discutibile ma che sempre una regola contrattuale é.

  • Al

    no cazzo … opera su osxmobile sarebbe stata una figata pazzesca … 🙁

    sopratutto per quei siti con cui safari litiga 🙁

  • Francesco

    è comunque sbagliato l’atteggiamento di apple verso questi software. ma per mac non esiste lo stesso opera? e mica viene censurato? allora per l’iphone perchè si comportano diversamente? mah…

  • Lorenzo

    Secondo me apple non vuole mettere opera nell’appstore perchè riesce ad aprire i siti in flash.Infatti l’ultima versione di opera per windows wobile li apre.

  • In realtà penso sia perchè Opera duplicherebbe una funzione già disponibile sull’iPhone (ovvero un browser web), e sappiamo bene che Apple non ama le applicazioni che rifanno cose già fatte da lei (esempio già visto con un client di posta che è stato cassato perchè esiste già Mail).

  • glorfindel

    anche io preferirei poter scegliere tra Safari e Opera. Sul Mac poi uso diversi browser, potrei fare lo stesso anche sull’iPhone… Senza contare che magari Opera può funzionare meglio…

  • leociccio

    penso che se opera fa qualcosa che safari non fa, cosa che probabilmente non sapremo mai, cosa con cui alcuni utenti si troverebbero meglio.
    Ciò detto, appol in questo modo ha la possibilità di tirare fuori novità quando e come vuole, tenendo il timone dello sviluppo dell’icoso.
    Di questo passo non si va certo più veloci.

  • MattiaB

    Do ragione a chi dice che comunque andrebbe messa almeno in visione,pur duplicando una funzione del telefono(ma magari ha flash e altro e quindi”aumenterebbe”le funzioni..!) anche perché è come se sui nostri Mac potessimo usare solo esclusivamente Safari e non FirefoxCaminoOperaFlockWebDesktop….sarebbe considerato assurdo,no?!!!

    Ps:voglio far notare che però io uso sempre Safari..! ^_^

  • rogerdodger

    a me safari va benone. secondo me il 95% delle persone se safari va bene non cif anno nemmeno caso anche perchè molti non sanno cosa sia esattamente un browser. A queste persone che sono la maggioranza basta poter navigare su internet con tranquillità e facilità.

    Poi ad Apple conviene tenere solo safari almeno al momento anche come effetto halo per eventuali installazioni su pc e quindi navigazione su apple store (pagina iniziale settata di default e segnalibro già inserito nella cartella dei segnalibri appunto) e cose cosi…da cosa nasce cosa

    Certo che Microsoft aveva fatto la stessa cosa sul pc però allora mi viene il dubbio che i più impegnati detrattori di iPhone con questa critica valutino iPhone come un vero pc e smentiscano i loro precedenti commenti. Ovviamente involontariamente. Ma lo hanno fatto.

  • Peccato sarebbe stato bello, a me safari piace, se avesse il supporto anche per Flash sarebbe perfetto… speriamo in futuro… oppur che Adobe ci aiuti!

  • Unz

    Secondo me è davvero un’esagerazione, Apple sta tirando troppo la corda: il mercato va avanti grazie alla concorrenza, senza concorrenza Apple non sarebbe l’azienda che tutti noi conosciamo.

    La cosa che mi lascia davvero perplesso, è anche il fatto di voler “castrare” un dispositivo che potrebbe essere davvero potente. Su App store trovo sempre più cavolate del tipo “tira il dito”, a discapito di programmi davvero utili.

    Ditemi dov’è un software SERIO per il fotoritocco, o la produzione, gestione di documenti o audio. Come faccio a importare direttamente un sample audio su iDrums senza dover passare per il Mac (esatto, manca un finder).

    Parliamochi chiaro iPhone potrebbe farle tutte queste cose, non ci vuole chissàcchè, basta un po’ di rispetto per il cliente.

    Apple castrando i suoi dispositivi mobili, genera hype e speranze da parte degli utenti che non potranno fare a meno di cliccare quel pulsante “Aggiornamento Applicazioni” per 3 minimo volte al giorno. Stessa cosa per ciò che riguarda l’introduzione di software più potenti, non potrebbe più fare questi giochetti.

    Safari non è perfetto, crasha spesso, non visualizza correttamente alcuni siti, e oltretutto non ha flash: provate a connettervi su Beatport o su Banca Intesa se ce la fate…

  • @Unz: tira il dito non fu accettato nell’App Store perchè era inutile. Per il fotoritocco ti consiglio Photo Lab. Per la produzione, produzione di cosa? Per la gestione dei documenti prova Discover per la gestione audio c’è il programma iPod integrato.

    Per importare i sample in iDrums è una limitazione del programma visto che potrebbe sfruttare il WiFi.

    Safari a me crasha solo raramente quando carico pagine pesanti e non ho mai trovato difficoltà con nessun sito. Per il flash, in verità, esistono da mesi tutorial per ottimizzare il proprio sito per l’iPhone. Questa soluzione è la migliore anche perchè Flash consuma molta batteria.

  • Inciampando sulle Acque

    @iMario: magari fosse così semplice. Diverse applicazioni sono state rifiutate perché ricalcavano *in parte* funzioni già presenti. Se uno ti offre per cena l’anatra all’arancia e un piatto di pasta ed un altro ti offre solo il piatto di pasta, li considereresti davvero lo stesso identico pasto?

    @rodgerdodger: Safari potrebbe anche essere perfetto per il 99% della popolazione. WebKit non funzionava con la mia banca, con Safari 3 le cose sono migliorate, ma ancora alcuni siti non sono pienamente compatibili. La mia università richiede esplicitamente IE o FF. Su Mac mi sono arrangiato con Camino (visto che quell’obobrio di FF non ce lo metto neppure morto) su iPhone come farei?
    Firefox sta già preparando FirefoxMobile, si sono visti degli screenshot in giro, e guarda caso ha una grafica molto iPhone-like. Ciò significa che fin da ora FFM è fuori dai giochi.

    Peccato che esteticamente sia davvero orrendo perché, a conti fatti, come ideologia ora Android è una spanna sopra ad iPhone.

  • Inciampando sulle Acque

    La clausola nel NDA è stata rimossa da mo’, GG.

    E, dal mio punto di vista, lo schifo non è dovuto allo stupore. È Apple che fa le regole? Sì. Si sa che fa queste regole imbecilli? Sì. Allora uno non può essere sconvolto per il punto sempre più basso che Apple riesce a toccare?

  • GG

    Non capisco perché ogni volta che succede una cosa del genere si grida sempre allo scandalo: è scritto chiaro e tondo che Apple non vuole applicazioni del genere, che uno non sia d’accordo Ok, ma che uno rimanga stupito da questo? E poi Apple ha iniziato ad essere molto più permissiva, vedi le nuove applicazioni di Mail in landscape, ciò significa che probabilmente l’applicazione duplicato di Mail aveva anche qualcos’altro che non andava, così come probabilmente ce l’ha opera, che mi sembra proprio un po’ imbecille comunque a sviluppare qualcosa che sanno che nel 99% non sarà accettato, e di sicuro non avranno una seconda chance: ne hanno parlato in pubblico e questo viola la clausola rimanente dell’NDA di iPhone, e sappiamo che Apple è una società che rinuncerebbe a guadagni milionari (bè, forse) solo per ripicca, visto il caratterino che si ritrova. 🙂

  • GG

    @Inciampando
    Come ho detto “la parte rimanente dell’NDA”, è scritto infatti che “Please note that unreleased software and feautures will remain under NDA until they are released”, quindi le regole le hanno infrante eccome.
    E’ Apple che fa regole? Sì: scandalizzarsi per questo posso accettarlo benissimo, ma ormai si sa da un tot come agisce, sarà una tattica che potrà non piacere, ma non vedo dove possa stupire adesso. Aggiungo che l’applicazione non è stata scartata per la competizione diretta con safari, come molti credono, ma perché contiene un interprete javascript proprietario. Come si può vedere le cose sono molto diverse da come appaiono, e quindi anche il duplicato di mail aveva qualche altro inghippo,se non ce l’avesse avuto non avrebbero accettato le altre App che fanno la stessa cosa.

  • Inciampando sulle Acque

    L’NDA che citi tu serve per evitare fughe di informazioni su software non rilasciato da Apple, non il proprio. La clausola di riservatezza che vigeva anche per il proprio software, è stata rimossa. Una persona ora può dire che la propria applicazione non è stata accettata, cosa che ha fatto Opera. Non vedo il problema. E neppure capisco perché continui a parlare di stupore quando, nel mio messaggio è piuttosto chiaro, ti ho detto che il problema non è quello.
    Quale sarebbe il problema dell’interprete proprietario?

  • Pingback: Opera Mini e l’iPhone: quanti rumors | Insel der Engel'()