Sondaggio: l’iPhone va sbloccato?

E’ da alcuni mesi che è disponibile il tool di sblocco per l’iPhone. Il programma permette di inserire nel dispositivo l’Installer o Cydia per avere alcune applicazioni che nell’App Store non sono disponibili. La domanda che vi pongo è: considerando che l’App Store permette di reperire facilmente migliaia di programmi, ha ancora senso sbloccare il dispositivo? Ha senso rischiare di perdere la garanzia o incappare in problemi con il firmware? Ha senso dover correre dietro gli aggiornamenti dell’iPhone Dev Team per avere il dispositivo sbloccato con le nuove versioni del firmware? A voi la parola.

Ha senso sbloccare l'iPhone?

View Results

Loading ... Loading ...
  • Direi di si, ha senso per diversi motivi.
    Primo perchè ci sono applicazioni estremamente utili diffuse solamente tramite cydia (bitesms, intelliscreen, etc etc) e anche perchè chi ha sborsato denari per acquistare un telefono ha tutto il diritto di poterlo utilizzare come preferisce e non solo con le applicazioni scelte dalla casa madre.

  • mabal

    A me personalmente non attira lo “sbloccaggio”: l’iPhone mi aiuta gia’ in un sacco di cose (telefonia a parte!), soprattutto nello scambio di documenti tra il Mac e il “computer da tasca”. Credo di aver spedito (coi cellulari precedenti) 3 MMS in tutta la mia vita. Da appassionato di fotografia considero gli obbiettivi dei cellulari in genere inutilizzabili e men che meno vorrei farci dei filmati. Insomma, cosi’ com’e’ l’iPhone mi basta e avanza. Senza contare i crash e i malfunzionamenti che continuo a leggere sui forum: il mio iPh “vergine” non si pianta MAI!

  • Luca

    Ciao. Direi che non ha più nessun senso sbloccare il telefono; lo sviluppo dei software per AppStore va a gonfie e vele e, per la politica applicata da Apple di dividere i guadagni con gli sviluppatori, fa si che il costo sia bassissimo a volte anche gratuito. Sbloccarlo poi è pur sempre un rischio, non essendo un’operazione autorizzata, su un gioiello dal costo elevato come l’iPhone.

  • Pirrr

    Se hai necessità di usare l’iPhone come modem, mandare MMS, girare video, usare il VOIP anche in edge/3G, far girare i programmi in background (multitasking) allora direi che è ASSOLUTAMENTE ancora necessario il Jailbreak!!
    Non sono caratteristiche da poco le sopracitate.. 😉

  • Pirre

    ….ah! Dimenticavo la mancanza tanto criticata del copia/incolla! Con il jailbreak ce l’hai.. (copierciN).
    Allora, o Apple si decide ad implementare queste caratteristiche comuni a tutti i cellulari di fascia medio/bassa o altrosì che è necessario il Jailbreak! 😀

  • Andrea

    Si ha senso, ha senso nella misura in cui, si voglia avere la libertà, almeno potenziale, di installare le apps che più soddisfano i nostri bisogni e che, per politica Apple, non sono disponibili in AppStore. Tra queste sicuramente BiteSMS, Cycorder, Winterboard, PdaNet e xGPS.

    Rispetto a qualche tempo fa, sbloccare non è più un “obbligo”, ma è giusto che ognuno possa scegliere.

  • glorfindel

    A me, più che le applicazioni, dava fastidio il blocco operatore e la necessità di sottoscrivere in contratto come accadeva col vecchio iPhone. Infatti ora l’ho comprato senza contratto e lo uso con 3. Considerato quanto l’ho pagato, sto bene attento a non invalidare la garanzia.

    Farò a meno di qualche applicazione, pazienza…
    Poi naturalmente ognuno faccia come vuole.

  • Franco

    Ho votato “altro” per poi spiegare qui che se si “pwna” un 3G italiano, al momento della connessione a iTunes per attivarlo, Apple sa benissimo che il telefono e’ stato Pwnato. Quindi, si rifiuta di ripararlo, anche a PAGAMENTO, anche se venisse ripristinato, anche in DFU, con il firmware originale. E’ l’unico motivo per cui NON va fatto, secondo il mio parere, per il resto, se non ci fosse la storia della garanzia, si potrebbe benissimo fare. Oltre alle APP a pagamento e gratuite su APP STORE, altre gratuite su Cydia e installer, ben vengano…

  • Franco

    @Pirre

    E’ giusto sottolineare che con un semplice ripristino l’iPhone torna “vergine” per l’eventuale garanzia.

    COL CAVOLO! Non e’ vero e va specificato, Apple sa sempre se l’hai pwnato, quindi se hai bisogno, 2 di picche!

  • Pirre

    E’ giusto sottolineare che con un semplice ripristino l’iPhone torna “vergine” per l’eventuale garanzia. Ma è anche giusto dire che il jailbreak è una procedura semplice ma pur sempre da “smanettoni” 😀 ! Quindi sempre consigliato a chi ha pratica di computer o come tanti di noi che si sono fatti le ossa con il precedente 2G! Per quanto riguarda eventuali “crash” dei dispositivi sbloccati sono inesistenti o legati, per l’appunto, ad eccessivi “smanettamenti”. Crash risolvovibili e estremamente gestibili da chi ha pratica. Così l’iPhone diventa anche un hobby oltre che un telefono “limitato” da mamma Apple! 😉

  • F9

    Io sono stato obbligato.. il mio 2g non sarebbe andato in italia.. però l’ipod touch non lo modifico per nessun motivo…

  • Pirre

    @Franco
    Eppure è molto controversa questa storia! 😀
    Si dice della famosa tripletta che l’iPhone pwnato manda ad Apple quando fai la sincronizzazione. Dovrebbe così esistere un database enorme con tutte le imei dei telefoni sbloccati e non! Così anche se portato alla verginità è schedato lo stesso. Tutto può essere… avete notizie di prodotti non accettati in garanzia perché stati precedentemente pwnati? 😉

  • Pirre

    E’ giusto sottolineare comunque che neanche io avrei pwnato se non avessi avuto bisogno di ricevere gli MMS, filmare mio figlio, navigare in rete con il MBAir e consumare il credito Skype con Fring! Metti sul piano della bilancia le necessità e decidi se sbloccare o no! Aloah 😀

  • glorfindel

    Pirre, perché Fring? Cos’ha che non va Fring su iPhone non sbloccato?

  • Pirre

    Fring è stato limitato dalla AT&T per le chiamate VOIP sotto copertura edge/3G. Puoi chattare via wifi/edge/3G ma solo chiamare via wifi! Fring per symbian o altri SO invece NON ha questa limitazione. Stesso discorso per il thetering… limitazioni imposte, non dell’iPhone che è il device più versatile al mondo!! (escludendo qualche carenza hardware 😀 )

  • Antonio

    I motivi che vengono usati per giustificare lo sblocco dipingono una mentalità distorta. Sostenere che è giusto pwnarlo”se si vogliono mandare mms, se si vogliono girare video, se si vuole utilizzare fring” etc etc è una boiata.
    Se vi interessano quelle caratteristiche avete sbagliato cellulare. Però non volete ammetterlo.
    Tutto qui.

  • Pirre

    Uah!Uah! Giusto Antonio! Forse è il nostro spirito “hacker” e la nostra continua curiosità che é distorta! Ci porta ad esplorare ogni giocattolino nel profondo e utilizzare tutte le sue potenzialità inespresse! Con il Nokia N96 non ci sarebbe divertimento! 😀

  • mbuddhy

    Ho l’iphone da giugno dell anno scorso (in pochi possono eguagliarmi ,sono partito dal firmware 1.0 e ho fatto tutti gli sblocchi fino al 2.1) continuerò sempre a sbloccarlo , per il semplice fatto che dopo averlo comprato sono libero di farci ciò che meglio credo , e a proposito di programmi reperibili solo su cydia , come potrei fare senza open ssh? esistono 2 tipi di utenti , quelli che si contentano di ciò che apple gli propone e che quindi si affidano ad appstore , e quelli come me che vogliono tirare fuori il massimo dal proprio apparecchio. E’ possibile ad onore della cronaca riverginizzare completamante un iphone in maniera che manco alla apple se ne accorgano ma non è cosa da tutti 🙂 meditate su cosa fa pwnage e fate reverse engineering avete bisogno di iphuc e un altro paio di cosette….. bella Pirre sono con te!!!

  • OLCapo

    vedi Caro kiro, in italia la politica del (blocco) non ha mai funzionato, neanche quando tre iniziava con i suoi telefoni é nato un bussines e altrettanto succede con l’iphone, ognuno ha il sacrosanto diritto di far ció che vuole del telefono pc o software ecc… solo che le case produttrici questo non lo capiscono vogliono comandarci anche lí ma non riusciranno mai.
    finché nel mondo ci sará un hacker la nostra libertá sará al sicuro!
    il futuro é linux…………!

    Linux for life!

    OLCapo

  • kekko

    da una parte non ha piu senso , ma da un’altra sbloccando l’iphone si può cambiare un file di sistema , e evitare di spendere una barcata di soldi per le applicazioni dell’apple store , io le scarico tutte crakkate , non ne ho pagata neanche una , ed ho piu di 120 giochi e 40 applicazioni , la maggior parte sono dai 5 euro in su , fatevi un po i conti e vedete quanto ho risparmiato

  • DiReCtOr

    Beh, se lo lasci bloccato hai solo “app store” mentre se lo sblocchi hai sia “app store” che “installer” che “cydia”.
    3 al posto di uno, con la possibilità di installare applicazioni ipa gratis…. direi che lo sblocco è SUPERCONVENIENTE

  • Questo tipo di operazione si chiama pirateria quindi è illegale

  • DiReCtOr

    si ma la domanda era se conviene sbloccarlo… la risposta è si, sia economicamente che in quantità di applicativi installabili… buona giornata kiro

  • Stefano

    Se vuoi usare l’iphone come telefono e console per giocare l’appstore basta. Se’ invece si vuole utilizzare l’Iphone in modo serio il JailBreak e d’obbligo.

  • Oggi come oggi no.
    Ed e’ per questo che non c’e’ ZiPhone per versioni superiori alla 2.0.
    MMS non li ho mai usati.
    Copia & Incolla… noioso non averlo ma sopravvivo.
    La verita’ e’ che molti si nascondono dietro queste scuse solo per aver modo di piratare le applicazioni.

    All’inizio aveva senso.
    Ora no.

  • Inciampando sulle Acque

    Tralasciando la questione della garanzia (che su Slashdot sarebbe stata taggata con un bel tinfoilhat), il Jailbreak ha ancora molto senso e lo avrà fino a quando, attraverso Apple, non si potranno fare esattamente le stesse cose.

    Inoltre, molti fanno confusione tra sblocco e jailbreak. Nello sblocco “vero” c’è il rischio di invalidare la garanzia o di renderlo “brick” perché si modifica la baseband. Questo sblocco, in Italia, aveva senso solo con gli iPhone di importazione.
    Il jailbreak non è altro che il firmware originale modificato perché non controlli le applicazioni.

    Sono due cose *molto* differenti, sia sul piano tecnico che da un punto di vista rischio/benefici.