Come da tradizione da qualche anno a questa parte, anche per il 2008 è stato calcolato il compenso da attribuire al CEO di Apple, cioè 1 dollaro. Steve Jobs, infatti, ricevera i suoi 100 centesimi come pagamento per le sue prestazioni nella società, anche se probabilmente gli verranno attribuite delle stock option per il raggiungimento di alcuni obiettivi finanziari.

Zio Steve, però, non dovrà aggiungere i problemi economici a quelli di salute poichè è ancora ricco. Possiede, infatti, 5,5 milioni di azioni Apple che sulla carta hanno un valore di oltre 500 milioni di dollari. Inoltre possiede il 7,7% di Disney avendo 138 milioni di azioni per un valore di 5,7 miliardi di dollari.

Piccola curiosità, se vi state chiedendo chi è il proprietario di Apple in questo momento, è il fondo Fidelity Investments che controlla 46 milioni di azioni.

[via macdailynews]

Join the Conversation

8 Comments

  1. Così Jobs paga solo le tasse su quel dollaro: mica scemo, eh!

    Però bisogna aggiungere che nel contratto di iCeo ci sono clausole per benefits illimitati: dalla serie, se Steve vuole qualcosa l’apple deve comprargliela, che sia un aereo privato come un grattacielo 🙂

  2. Quoto in pieno MacAnatomist: è facile farsi bello con la storia «Prendo un dollaro all’anno» quando si evita di parlare di premi di produzione e Stock Options retrodatate.
    Non facciamoci prendere in giro.

  3. Il giudice e la responsabile delle stock option retrodatate hanno confermato che Steve Jobs non c’entra nulla con questa storia, quindi evitiamo la disinformazione.

    Steve Jobs potrebbe tranquillamente farsi pagare 1 mln di $ l’anno e pagare il 40% di tasse e tenersi in tasca i 600.000. Non lo fa e questo è comunque un merito.

  4. AndrewNoApple si aggiunge alla schiera dei nostri numerosi giornalai italiani. Goood. Basta saperlo.

  5. Non vedo il problema sinceramente.
    E’ ricco, buon per lui, soldi meritati.

    Meglio qualche milione di dollari a Steve che al consiglio amministrazione di Alitalia…….. 😉

Leave a comment

Cosa ne pensi?